Berti (Lega Nord): “Parco San Francesco, dalla riqualificazione a luogo di spaccio”

«Si spendono soldi per riammodernare ed abbellire un giardino cittadino, poi lo si lascia nelle mani di delinquenti e spacciatori», è questo il commento di Jacopo Berti, consigliere comunale della Lega Nord in merito alla situazione del giardino di San Francesco in corso Garibaldi a Faenza. «Da diversi giorni – prosegue Berti – molti faentini mi inviano foto documentando lo stato del parchetto; tutte le sere decine di persone si radunano consumando cibo e bevande, lasciando tutto a terra alla loro partenza, insudiciando il parco ed allontanando i normali fruitori della zona. Purtroppo manca un serio controllo del centro storico, e le forze dell’ordine sono poche e molto occupate in altre mansioni».

Jacopo Berti: “L’amministrazione trovi una soluzione”

«Per farvi un esempio – spiega l’esponente del Carroccio – ad aprile di quest’anno i Carabinieri hanno arrestato in questo parchetto uno spacciatore, che utilizzava la zona come nascondiglio e mercato. Questo fa intendere che tipo di persone frequenta il posto, e i faentini sapendolo, evitano di portarci i propri bambini. Il periodo serale è invece completamente off-limit, in quanto la percezione del rischio e della paura sono elevatissimi dentro il recinto del giardino». Conclude il leghista Berti: «Per il parco è stato fatto un progetto qualche anno fa per la riqualificazione, messo in atto e terminato nel 2015. Che senso ha spendere soldi pubblici per la messa in ordine di un luogo, se poi viene abbandonato a sé stesso e lasciato nelle mani di spacciatori o al bivacco? L’Amministrazione trovi una soluzione o ci ritroveremo con l’ennesimo porto franco per la criminalità in pieno centro storico».

Rispondi