Otto marzo a Faenza: 4 giovani artiste espongono in 5 luoghi della città

Una mostra itinerante per celebrare a Faenza la Giornata della donna riflettendo sulle tematiche di genere che influenzano la nostra società. Inaugura proprio l’8 marzo “Wo(ME)n”, alle 19.30 al Bar della città, in piazza Martiri della Libertà di Faenza, la mostra collettiva che riunisce quattro giovani artiste tutte under 26: due pittrici – Fedilou e Desirèe Gentilesca – e due fotografe sperimentali – Marta Braggio e Noemi Rodin, che esporranno anche in altri quattro luoghi della città. Le artiste coinvolte, pur con linguaggi differenti, portano in scena in maniera originale la femminilità in tutti i suoi aspetti.  La mostra è curata da Fatti d’arte e Collettivo Arte Nomade  in collaborazione con Distretto A – Faenza Art District con il Patrocinio del Unione della Romagna Faentina. E’ stata inoltre realizzata con il sostegno de La Bcc e Fitel Emilia-Romagna. «Abbiamo voluto raccogliere diverse idee – commenta Veronica Bassani di Fatti d’Arte, curatrice della mostra assieme a Silvia Calderoni – per offrire un’ampia riflessione su cosa significhi essere donna oggi, passando dalla pittura che ritrae il quotidiano alla fotografia sperimentale».

Le opere esposte al Bar della Città, Quazàr, Cral Faenza, Osteria della Sghisa, Casa Lucero

Opere di Fedilou.

Le esposizioni saranno installate dall’8 fino al 31 marzo. Le opere Fedilou saranno visibili al Cral (piazza Nenni, 2); mentre quelle di Desirèe Gentilesca troveranno spazio all’osteria della Sghisa (via Emiliani, 4). Le fotografie di Marta Braggio saranno esposte in Casa Lucero (Via della Croce, 17), mentre quelle di Noemi Rodin al Quazàr Coworking (Via Emiliani, 2). Il Bar della Città ospiterà invece la collettiva d’arte delle quattro giovani artiste. «Si tratta di un modo di coinvolgere tutta la città in questo 8 marzo – afferma l’assessore alla Cultura Massimo Isola – attraverso un lavoro di squadra che dà valore aggiunto alle singole idee. Come municipalità dobbiamo lavorare molto sulle date simboliche, sono importanti e il dibattito pubblico necessita di sollecitazioni continue su questi temi e l’arte contemporanea deve avere la sua parte, facendo esplorare al pubblico sentieri nuovi». Nel corso della presentazione di Wo(ME)n è stata annunciata la donazione di 500 euro del Cral Faenza all’associazione Fiori d’acciaio.

Gli eventi collaterali dopo l’8 marzo

Assieme alla mostra, saranno portati avanti in questo mese anche diversi appuntamenti pubblici al Bar della Città. Il 15 marzo si terranno alle ore 21 letture femminili a cura di Fatti d’Arte. Il 26 marzo, alle ore 17, “Un dìa de marcha’, aperitivo spagnolo a cura di Extra Class Italia. Il 31 marzo evento musicale “It’s a woman’s world”, alle ore 21. E’ possibile prenotare una visita guidata nei luoghi della mostra contattando colletivoartenomade@gmail.com 346 3051528.

Si ringraziano: l’ass. Fiori d’acciaio, Bar della Città, Cral Comune di Faenza, Extra Class Italia, Osteria della Sghisa, Quazàr – coworking & spazio eventi.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.