Progetto di riordino dell’Unione dei Comuni, il M5S: “Presenti diverse lacune”

Non convince il Movimento 5 Stelle di Faenza la cosiddetta ‘fase 2’ dell’Unione dei Comuni della Romagna faentina. «Non sappiamo quante fasi siano previste – scrivono in una nota i pentastellati – ma questa fase parte con gli stessi vizi della fase 1, quella che ha visto conferire frettolosamente tutte le funzioni proprie dei Comuni all’Unione. Costituendo un ente che esautora parzialmente i consigli comunali, non consente la rappresentanza di tutte le parti presenti nei consigli stessi e ha una normativa di riferimento lacunosa per cui si prospettano soluzioni di dubbia legittimità».

«E’ indubbio che siano auspicabili forme aggregative che permettano di migliorare i servizi offerti ai cittadini, ma l’Unione realizzata dalle attuali amministrazioni non è una soluzione. E’ un “esperimento”, così l’hanno definito loro stessi, con almeno tre ordini di gravi lacune. Non si coinvolgono gli interessati: i cittadini, in primo luogo; i dipendenti; i consiglieri di minoranza. Solo per le organizzazioni imprenditoriali e le associazioni pare ci sia stato un certo coinvolgimento. Si escludono a priori soluzione aggregative diverse dal conferimento totalitario delle funzioni, senza orientare le scelte in base alla previsione di benefici verificabili. Si adottano soluzioni organizzative senza valutarne preventivamente l’impatto, supportando i cambiamenti richiesti».

Movimento 5 Stelle Faenza: “Un progetto poco credibile”

«Il documento esaminato nella riunione plenaria dei consiglieri dei Comuni dell’Unione inizia citando come penalizzante per l’intero percorso dell’Unione le differenze dimensionali, territoriali e di tessuto economico dei Comuni – affermano i 5 Stelle – Queste differenze erano evidentemente presenti anche ad avvio di progetto; perché non sono state considerate da subito nel valutare le innovazioni proposte? Su cosa si fonda la credibilità di questo progetto, se questo è il modo di procedere?»

«Per sei lunghi anni – conclude la nota – abbiamo puntualmente seguito i lavori, letto le proposte, parlato con i cittadini e fatto le nostre osservazioni, per lo più sbeffeggiate da quella amministrazione che oggi deve ammettere le lacune del percorso intrapreso, autoassolvendosi da ogni responsabilità. Continueremo a farlo, ma siamo convinti che gli interventi di cui l’amministrazione e i cittadini hanno necessità non siano la priorità nella realizzazione di questa Unione».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.