Solarolo modello di “comunità inclusiva” in Emilia-Romagna

Le pratiche inclusive portate avanti nell’ultimo anno dal Comune di Solarolo sono state citate dalla vicepresidente e assessore al welfare della Regione Emilia-Romagna, Elisabetta Gualmini, che ha espresso pieno appoggio per i progetti che l’assessore Martina Tarlazzi ha proposto e portato avanti sul tema dell’inclusione scolastica e sociale. Solarolo è l’unico Paese in Italia ad aver diffuso tabelle per la comunicazione in CAA (Comunicazione Aumentativa e Alternativa) in tutti gli esercizi commerciali del centro, oltre che in parrocchia, in biblioteca, negli uffici comunali e nelle scuole. Ed il Comune ha voluto finanziare una formazione sulle metodologie inclusive da adottare a scuola per tutti gli insegnati di tutte le scuole di ogni ordine e grado.

Inclusione: incontro pubblico a Solarolo il 12 aprile

Giovedì 12 aprile 2018, dalle 20.30 alle 21.30 nella Sala Consiliare del Comune di Solarolo, si svolgerà una tavola rotonda sul tema “Progettare comunità inclusive” che servirà come verifica dei percorsi Solarolo in CAA e formazione per insegnanti, oltre che a fornire spunti ed informazioni per gli altri enti del territorio che volessero attivare queste buone prassi. Il fine ultimo di questi progetti è la creazione di un intero paese che sappia accogliere e non escludere, che sia in grado di far esercitare a tutti il proprio diritto di essere cittadini. L’evento è anche all’interno del Festival della Comunità Educante, che si svolgerà nel territorio della Romagna Faentina dall’8 al 15 aprile.

Rispondi