Regione: circa 24 milioni destinati a contributi agli alluvionati per l’acquisto di veicoli

La raccolta di fondi per l’alluvione promossa dalla Regione dell’Emilia-Romagna ha raggiunto quota 48 milioni di euro. La giunta regionale ha deciso di destinare metà di questa somma al diretto sostegno delle popolazioni colpite, con particolare attenzione alla possibilità di concedere contributi per l’acquisto di veicoli in sostituzione di quelli distrutti. Questa misura, al momento, non è coperta dai decreti nazionali, ma la Regione ha intenzione di fornire un supporto concreto a coloro che hanno subito danni ai loro mezzi di trasporto.

Davide Baruffi, sottosegretario alla presidenza della Regione, ha comunicato la notizia in consiglio regionale. La restante parte dei fondi sarà utilizzata per finanziare interventi urgenti di ripristino del patrimonio pubblico, con un focus particolare sulle scuole e, eventualmente, sugli impianti sportivi del territorio. L’obiettivo è garantire che le attività scolastiche riprendano a settembre in edifici e servizi efficienti, mentre per gli impianti sportivi si mira ad ampliare le risorse stanziate dal primo Decreto Legge Alluvione. Questo consentirà di supportare una riattivazione più efficace delle attività sportive e dei luoghi di socialità del territorio colpito.

La Giunta regionale intende coordinare attentamente l’utilizzo dei fondi per evitare sovrapposizioni con le misure del Governo. In tal senso, si è già svolto un primo positivo confronto con il Commissario straordinario Generale, Figliuolo. Baruffi ha precisato che le decisioni saranno prese dopo un confronto con le rappresentanze degli Enti locali e con il Patto per il Lavoro e per il Clima, incontri che sono già stati calendarizzati per i prossimi giorni. La Regione dell’Emilia-Romagna si impegna quindi a gestire con attenzione e responsabilità i fondi raccolti, assicurando che siano impiegati nel modo più efficace per rispondere alle esigenze delle comunità colpite dall’alluvione.

 

(Fonte ANSA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.