Referendum Faenza: ecco come si vota dall’estero

Una modalità per consentire anche a chi si troverà all’estero tra qualche mese di esprimere il proprio voto sulla riforma Boschi. In occasione del Referendum costituzionale del 4 dicembre 2016 i cittadini che si trovano temporaneamente all’estero (pertanto non iscritti all’Aire) per motivi di lavoro, studio o cure mediche, per un periodo di almeno tre mesi (nel quale ricada la data di svolgimento della consultazione), possono votare per corrispondenza nel luogo di dimora estero. Questa possibilità è estesa anche ai famigliari conviventi. Per avvalersi di questa facoltà gli elettori devono trasmettere – entro il 2 novembre 2016 – al Comune di iscrizione nelle liste elettorali una dichiarazione di opzione per il voto per corrispondenza.

Referendum Faenza: l’invio della dichiarazione entro il 2 novembre

Il modulo per esercitare il diritto di voto all’estero per il Referendum del 4 dicembre è reperibile presso l’Ufficio Elettorale del Comune di Faenza, in piazza Rampi 2, oppure scaricabili a questo indirizzo.

Rispondi