Gabriele Padovani: “In Ue ci vuole una lotta seria contro la corruzione”

“La corruzione costa ai cittadini europei ben 904 miliardi di euro all’anno: ora basta sprecare i soldi dei cittadini romagnoli. Sul tema corruzione serve una legislazione comune ai Paesi di Eurolandia rigorosissima, affinché passi il messaggio che nei confronti di corrotti e corruttori la tolleranza sarà zero!”. Gabriele Padovani, imprenditore agricolo e candidato al Parlamento Europeo in quota Lega, ha le idee chiare: “Questa Europa, così com’è non va bene e va assolutamente cambiata. Un esempio? Vi sembra normale che ogni anno, tra risorse sottratte al fisco e investimenti esteri mancati, la corruzione costa all’Unione europea ben 904 miliardi di euro. Una cifra che, per quanto spaventosa, non tiene conto del “vero prezzo”, che devono pagare i cittadini, il quale va ricercato nei servizi sociali che vengono negati, nelle misure anti-disoccupazione che non vengono finanziate, nelle infrastrutture che non vengono costruite, nella cooperazione internazionale che potrebbe porre fine alla fame nel mondo e ridurre, per esempio, la pressione migratoria sull’Europa. Il tutto, appunto, perché le risorse necessarie finiscono nel buco nero della corruzione”.

L’esponente della Lega: “Va valorizzato il Made in Italy”

Il candidato romagnolo del Carroccio, cita i dati di uno studio elaborato dai Verdi europei, che dimostrano come “con i 904 miliardi di euro all’anno persi a causa della corruzione in tutta l’Ue potremmo porre fine alla fame nel mondo, eliminare la malaria, fornire istruzione di base, oltre che acqua potabile, servizi igienico-sanitari, assistenza sanitaria ed elettricità; e avremmo ancora denaro a disposizione (360 miliardi di euro)”. “E’ bene che attraverso il voto del 26 maggio prossimo – spiega Padovani – i cittadini siano consapevoli che possono (e devono) cambiare questa Europa, oggi a trazione franco-tedesca, per consentire all’Italia di rialzare la testa nel panorama internazionale e battere i pugni sui banchi di Bruxelles e Strasburgo, affinché anche le politiche comunitarie comincino a valorizzare quel brand straordinario che è il Made in Italy. Partendo proprio dalla tolleranza zero verso i corrotti e i corruttori, modernizzando le norme Ue concernenti la confisca dei proventi di attività illecite che devono essere reinvestite sui territori ai quali vengono sottratte” conclude l’eurocandidato del Carroccio.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.