La faentina Laura Cenni premiata Allevatore dell’anno 2019

La faentina Laura Cenni, responsabile della società agricola Cenni di Riolo Terme e delegata provinciale di Donne Impresa, il movimento femminile di Coldiretti, si è aggiudicata il titolo di ‘Allevatore dell’anno 2019’ nella categoria Bovini da carne, prestigioso riconoscimento assegnato da Fieragricola Verona e Informatore Zootecnico a quelle ‘storie aziendali’ che si rivelano esempi virtuosi anche per altri allevatori.

Allevatore dell’anno 2019: il premio consegnato a Fieragricola

Il premio, consegnato il 31 gennaio scorso nell’ambito di Fieragricola alla presenza del presidente dell’associazione italiana allevatori Roberto Nocentini, del presidente dell’associazione allevatori dell’Emilia-Romagna Maurizio Garlappi e del responsabile nazionale zootecnia di Coldiretti Giorgio Apostoli, è un tributo alla passione, innovazione e professionalità che l’allevatore mette nel proprio lavoro quotidiano.

L’allevamento di Laura Cenni ha 105 capi in 100 ettari aziendali

Laura Cenni e la figlia Angelica in fiera.

Nel caso di Laura Cenni, che gestisce insieme alle figlie Angelica e Fabiana l’allevamento a ciclo chiuso avviato più di 40 anni fa dal padre, oggi un vero e proprio presidio a tutela dell’Igp ‘Razza Romagnola’ con i suoi 105 capi e i 100 ettari aziendali (40 destinati a pascolo), viene premiata «la grande attenzione alla sostenibilità economica, sociale e ambientale nonché l’alto livello di benessere animale raggiunto. Quella dell’allevamento Cenni è una carne di prima qualità, dall’elevato valore nutrizionale, con pochi grassi saturi e proteine ad alto valore biologico».

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.