Comune, Hera e Gev uniti nella lotta contro l’abbandono dei rifiuti

«Se abbandoni i rifiuti offendi la tua città»: è questo lo slogan della campagna informativa promossa dall’amministrazione comunale di Faenza in collaborazione con Hera e in sinergia con le Guardie ecologiche volontarie (Gev) per porre un freno agli episodi di abbandono dei rifiuti che si verificano sul territorio creando situazioni di degrado. La campagna è stata presentata martedì 3 aprile 2018 dall’assessore all’Ambiente, Antonio Bandini, e dal responsabile dei servizi ambientali di Hera Marco Guarnieri. Materassi ed elettrodomestici abbandonati nei pressi dei cassonetti, mozziconi di sigarette lasciati per terra: un atto di inciviltà che Comune, Hera e Gev vogliono contrastare sensibilizzando i cittadini ai valori ambientali. «Quello dell’abbandono dei rifiuti – spiega Antonio Bandini – è un atto che fa arrabbiare due volte, la prima per la ricaduta ambientale e la seconda per la ricaduta sulla collettività, anche a livello economico, visto che costa ai cittadini 100mila euro l’anno». Ecco dunque che si cerca di incentivare i faentini a utilizzare i servizi gratuiti offerti da Hera per la raccolta dei rifiuti ingombrati e a contrastare l’abbandono di sigarette per terra. Inoltre è stata potenziata la vigilanza sui cassonetti, per sanzionare eventuali comportamenti scorretti.

La raccolta rifiuti ingombranti di Hera, un servizio gratuito

Nel 2017 a Faenza sono state effettuate circa 5.450 prese di rifiuti provenienti di abbandoni (in prevalenza ingombranti) ma l’80% di questi rifiuti rimane ancora abbandonato per strada. Alla luce dei servizi gratuiti che sono a disposizione, come appunto la raccolta degli ingombranti a domicilio, si tratta di comportamenti incivili e ingiustificati. Un fenomeno con una forte ricaduta sulla collettività: in media l’abbandono dei rifiuti costa alla città, come detto, circa 100mila euro l’anno.

«È molto facile per il cittadino usufruire del servizio per il ritiro di rifiuti ingombranti – spiega Marco Guarnieri – telefonando al numero verde 800 999 500 disponibile da lunedì a venerdì dalle 8 alle 22 e il sabato dalle 8 alle 18. Chiamando, è possibile prenotare un appuntamento per il ritiro dei rifiuti. I ritiri solitamente avvengono nel giro di una settimana e consegnando direttamente al gestore il proprio rifiuto ingombrante, questo rimane sul suolo pubblico davvero poco tempo. In caso si necessiti di tempi più brevi, il cittadino può direttamente conferirlo alla stazione ecologica di via Righi». Il cittadino, nel caso si tratti di beni ancora utilizzabili, può anche decidere in un loro riciclo scegliendo di aderire a un’iniziativa specifica. Lo stesso servizio è disponibile anche per rifiuti di tipo vegetale o per la raccolta di amianto.

Non solo rifiuti ingombranti: lotta contro i mozziconi per terra

Ma la campagna lanciata non riguarda solo gli ingombranti. A essere presi di mira saranno anche i mozziconi di sigaretta ai quali il Comune di Faenza, in collaborazione con Hera, ha deciso di dedicare un’azione di prevenzione per contrastare e limitare il fenomeno del loro abbandono a terra. E’ stata quindi progettata un’iniziativa con lo scopo di promuovere comportamenti virtuosi nei cittadini e in particolare nei fumatori, chiamati a un approccio più responsabile rispetto a un gesto che, nonostante possa apparire di poco conto, nel complesso ha un oneroso impatto sull’ambiente, basti pensare che un mozzicone abbandonato impiega da uno a cinque anni per degradarsi. Si tratta della campagna “Non buttarla a terra” che prevede la distribuzione di un comodo gadget per i fumatori, un posacenere da tasca: un aiuto per conservare le cicche di sigaretta fino al cestino più vicino e contribuire, con un piccolo-grande gesto, a un ambiente migliore per tutto. I porta cicca sono in distribuzione a Faenza, fino a esaurimento scorte, alla stazione ecologica di via Righi e all’Uro, insieme a un volantino informativo.

Accanto alla campagna, sono stati anche potenziati i contenitori stradali per la raccolta delle cicche: sono infatti stati collocati oltre 140 posacenere in altrettanti cestini gettacarte su tutto il territorio comunale di Faenza.

Le iniziative delle Gev

Sabato 7 aprile a partire dalle 10.30 della mattina le Guardie ecologiche volontarie promuoveranno diverse iniziative in piazza per contrastare l’abbandono dei rifiuti con ritrovo alla Fontana Monumentale. Verranno distribuite le bustine porta cenere e i volantini dell’Hera contro l’abbandono dei rifiuti ingombranti. Le Gev sono attive da più di 20 anni a Faenza e i volontari in servizio possono redigere un verbale per segnalare episodi scorretti. «In ogni caso contiamo più sulla sensibilizzazione che sulle multe, che comunque sono importanti. La cultura del verde e dell’ambiente deve essere incentivata tra i cittadini», spiegano i volontari.

Rispondi