L’azienda Faenza Group apre una sede a New York

Faenza Group, storica azienda guidata da Claudio Rossi, che da oltre 40 anni si occupa di progettazione e stampa di libri, cataloghi, magazine e packaging di design e di lusso, da pochi giorni ha inaugurato la sua prima sede a New York, con l’obiettivo di incrementare l’export e le partnership con i clienti statunitensi. La sede americana di Faenza Group è situata a New York, a due passi dall’Empire State Building, nel quartiere Chelsea all’interno del borgo di Manhattan, uno dei quartieri più trendy della Grande Mela, ricco di gallerie d’arte e attrazioni. La nuova sede diventerà l’ottava del Gruppo: i tre stabilimenti produttivi di Faenza, Milano e Carpi, custodi rigorosi del Made in Italy, sono affiancati da tre uffici commerciali in Italia e in Europa e dalle due sedi operative, una a Parigi, aperta da diversi anni e la nuova di New York.

Faenza Group si occupa di stampa e cataloghi in particolare nel settore fashion & life style

Una crescita costante quella di Faenza Group avvenuta grazie all’expertise maturato in oltre 40 anni di attività nella progettazione e stampa di materiali per la comunicazione e grazie agli investimenti costanti e lungimiranti in tecnologia e attrezzature. L’ingresso nel gruppo di aziende di riferimento del settore che hanno contribuito alla crescita apportando il know how necessario per competere nella fascia di mercato di alta gamma sia di prodotto che di servizi ne hanno permesso l’attuale posizionamento.
Oggi Faenza Group è un player globale nel mercato della stampa di fashion & life style magazine, cataloghi di prodotti di lusso, libri di fotografia e di arte, in particolare nella progettazione e stampa dei Coffee Table Book e del packaging di design. E’ un’azienda che unisce tradizione con l’innovazione e che sapientemente è riuscita a crescere in un periodo storico caratterizzato da una congiuntura mondiale economica non felice.

In estate pubblicato il libro fotografico di Micheal Stipe, ex frontman dei Rem

Le collaborazioni tra Faenza Group e il mercato statunitense, iniziate già nei primi anni del 2000, in questo ultimo periodo si sono intensificate ulteriormente. Solo negli ultimi dodici mesi l’azienda ha stampato, tra gli altri, il libro fotografico del New York Police Department e per Christie’s ha progettato e stampato il prezioso “My Time”, un libro che è diventato una vera e propria opera d’arte. Infine, quest’estate, è stata scelta da Michael Stipe, ex frontman e leader dei Rem, per stampare il suo ultimo libro fotografico in offset H-uv.

Claudio Rossi (Ceo): “Questo per noi è un punto di partenza, non di arrivo”

«L’apertura di questa nuova sede a New York per noi è un punto di partenza e non di arrivo – ha dichiarato Claudio Rossi, Ceo di Faenza Group – La mentalità che contraddistingue il nostro Gruppo si può riassumere in una continua spinta verso il miglioramento e il cambiamento. Le collaborazioni con il mercato statunitense sono per noi un vanto e un motivo di orgoglio; all’estero il Made in Italy è un valore riconosciuto e apprezzato da tutti e noi ci siamo posizionati come un’azienda che fa della ricercatezza delle materie prime e della loro valorizzazione un marchio di fabbrica. Questo risultato è sicuramente merito del gioco di squadra e di una continua condivisione di valori e obiettivi all’interno del team. Continueremo a lavorare duramente per esportare il Made in Italy e il nostro expertise in tutto il mondo, valorizzando le idee e i progetti dei nostri clienti con prodotti di comunicazione stampata all’avanguardia».

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.