A Bottega Bertaccini musica e parole per non dimenticare L’Aquila

Un concerto in cui risuoneranno note piene di significato. Mercoledì 11 luglio 2018 alle ore 21 nell’accogliente cortile della Bottega Bertaccini di Faenza un concerto da non perdere. Nati nel 1968, i Solisti Aquilani festeggiano anche a Faenza i propri primi 50 anni di vita. Hanno un repertorio che abbraccia le più diverse epoche musicali, da quella pre-barocca alla musica contemporanea. Per l’ottimo livello delle esecuzioni, l’alto numero dei concerti effettuati, l’ampio repertorio e l’unanime consenso di pubblico e di critica, I Solisti Aquilani sono considerati una delle più prestigiose formazioni cameristiche internazionali. A Faenza si esibirà il quartetto composto da Marino Capulli e Vanessa Di Cintio (violini), Luana De Rubeis (viola), Giulio Ferretti (violoncello) con musica di Mozart.

Faenza e L’Aquila unite anche dai libri donati alla città terremotata

Non ci sarà solo musica ma anche parole. C’è un rapporto particolare che lega che scrive con L’Aquila e che passa attraverso i libri. «Dopo il devastante terremoto del 6 aprile 2009 – spiega Renzo Bertaccini – a Faenza raccogliemmo 40 scatoloni di libri che consegnammo all’Arci di quella città da destinare al “Bibliobus”, una biblioteca itinerante che raggiungeva le tendopoli che ospitavano gli sfollati dalle abitazioni distrutte dal terremoto. Il progetto nasceva dalla necessità di ripartire dalla cultura e dalle relazioni sociali per promuovere la ricostruzione e la rinascita dell’Aquila. Un legame nato dai libri e che ai libri ritorna nella serata di mercoledì 11 con le parole di racconti e poesie lette da libraie e librai di Faenza e non solo».

Il concerto è inserito nella rassegna “In Tempo”, organizzata dalla scuola di musica “G.Sarti”, una occasione per ascoltare concerti di musica colta in città. Si tratta di dieci concerti itineranti che spaziano tra classico e contemporaneo, in cortili-chiostri-piazze-arene estive-musei della città. Ingresso: € 5,00, ridotti € 2,00 (under 12 e allievi della Scuola di Musica Sarti)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.