L’Atletica 85 Faenza si prepara alle celebrazioni per i suoi sessanta anni

L’Atletica leggera faentina taglia un traguardo importante, tra i più significativi di quelli collettivi della storia della società. Saranno festeggiamenti all’insegna dello sport a 360° quelli per il sessantesimo anniversario, con uno speciale stage di salto in alto in programma venerdì 19 maggio in Piazza del Popolo, alle 17.00, alla presenza della campionessa olimpionica e primatista mondiale Sara Simeoni. Le celebrazioni proseguiranno poi con una cerimonia ufficiale alla Galleria comunale della Molinella alle 18.30, contestualmente alla conferenza stampa della 100 km, la più importante manifestazione podistica faentina.

Il 1957 come anno spartiacque

Un sguardo al passato e uno al futuro. Ad essere ricordati e celebrati in questa festa collettiva saranno anche i ricordi di quegli anni che hanno reso solida e longeva la storia società: a partire dalla fondazione dell’Athletic Club Faenza nel 1912 – rinominato successivamente Club Atletico Faenza – così come l’impegno dei tanti atleti e dei dirigenti Pietro Babini, Diego Liverani e Aldo Pancrazi, primissimo presidente della società. Il 1957 rappresenta indubbiamente per la società un punto di arrivo, ma anche di ripartenza per la costruzione di quella tradizione dell’Atletica Leggera faentina, così come conosciuta ai giorni nostri. Sono gli anni in cui la ricostruzione fisica del Paese post conflitto bellico diventa anche una costruzione civile e morale, che passa anche attraverso lo sport. Sono gli anni in cui il CSI Faenza si affilia alla Federazione Italiana di Atletica Leggera, vedendo la nascita del CSI Atletica Faenza e in parallelo della Libertas CISA, dedicata alle donne. La suddivisione per genere si mantiene attiva fino agli anni Settanta, quando le due società prendono la decisione di aprire le porte ad atleti e atlete. Il risultato è quello della compresenza di due società, Atletica Faenza e Libertas Cisa, i cui rapporti saranno ben presto dettati da una forte di rivalità e da un conseguente decadimento generale dei risultati dell’atletica cittadina.

 

La scelta coraggiosa del 1985

Consapevoli della situazione generale creata da questo dualismo societario, il punto di svolta arriva nel 1985, quando Atletica Faenza e Libertas Cisa decidono di fondersi, unendo le forze per creare una società più adatta alla realtà faentina,  che garantisse anche una migliore gestione del nuovo impianto intitolato a Raffaele Drei, allenatore e tecnico nazionale: nasce così l’Atletica 85 Faenza. Quelli dal 1957 al 2017 rappresentano quindi sessanta anni di atletica leggera faentina costellati di risultati, imprese e compromessi, fino alle gesta di chi ha indossato la maglia azzurra. L’Atletica 85 conta oggi quasi 500 tesserati di cui oltre 200 agonisti e ha deciso di onorare questo percorso storico guardando al futuro, continuando ad investire sui giovani. A festeggiare con loro questa importante meta sarà una grande atleta dello sport italiano: Sara Simeoni, oro Olimpico di Mosca 1980 e primatista del mondo nel salto in alto. Con Sara Simeoni, atleti e allenatori potranno trascorre alcune ore per un stage di allenamento, seguito da un momento più ufficiale di ringraziamento a tecnici e dirigenti della società.

 

Il 2017 ed il connubio con Faenza Sport

Anche il 2017 sarà ricordato negli anni a venire come un anno importante per la società, l’anno in cui viene sancita la stretta collaborazione con altri due gloriosi club faentini, il Club Atletico Faenza Lotta e il Centro Sub Nuoto Club 2000, attraverso Faenza Sport. A celebrare ulteriormente questo anno importante ci sono già in calendario due eventi importanti: il 24-25 giugno verrà infatti ospitata a Faenza la fase regionale del Campionato Regionale di Società, forse l’evento più importante in regionale per l’atletica leggera. Il 6 settembre sarà invece la volta della 21^ edizione del Memorial Fantinelli, un meeting ormai consolidato dell’atletica nazionale dedicato al professor Claudio Fantinelli, allenatore ed educatore, nonché protagonista dell’atletica leggera e dello sport faentino.

 

Rispondi