Alessandra Cavina si dimette da vicepresidente di Faenza nel Cuore: “Traditi gli ideali dell’associazione”

«Con questa nota intendo rendere pubblica la mia decisione di dimettermi dal ruolo di vice presidente di Faenza nel Cuore e da ogni legame con questa associazione»: con queste parole Alessandra Cavina prende le distanze dalla realtà associativa nata nel 2019 e promossa dal gruppo dirigente della lista civica Insieme per Cambiare. «Lista civica presieduta da Paolo Cavina, capogruppo della stessa in Consiglio Comunale, nella maggioranza di centrosinistra di Faenza – prosegue la nota – Ho svolto il mio ruolo a favore dell’associazione convinta di poter portare un contributo positivo per l’inclusione sociale e la solidarietà verso le fasce più deboli della nostra città».

L’associazione promossa dal gruppo dirigente di Insieme per Cambiare

«A fine luglio Insieme per Cambiare ha secondo me deciso di tradire questi principi, accettando di rappresentare la destra regressiva della Lega di Matteo Salvini, della Meloni e di Adinolfi, nonostante per anni avesse combattuto, anche dai banchi del Consiglio Comunale, quelle idee e quel modo di fare politica – prosegue la nota – Io non sono disponibile a tradire gli ideali che mi avevano mosso per donare il mio impegno a Insieme per Cambiare e Faenza nel Cuore e sento il bisogno di dichiararlo pubblicamente a tutti quei cittadini faentini che hanno partecipato alle attività dell’associazione che avevo contribuito a promuovere».

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.