La 100 km entra nel vivo: finora 2.100 iscritti da 24 Paesi da tutto il mondo

Si conferma in costante crescita l’affluenza di iscritti per l’edizione 2017 della 100 km del Passatore Firenze-Faenza, già oggetto di record per quanto riguarda i concorrenti sino ad ora registrati a meno di due mesi dalla partenza. Sono infatti oltre 2.100 gli atleti e i partecipanti che hanno risposto “presente” al ‘Passatore’, con 24 Paesi esteri rappresentati ad oggi, quali: Albania, Anguilla, Austria, Belgio, Brasile, Croazia, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna, India, Irlanda, Israele, Paesi Bassi, Polonia, Repubblica Ceca, Repubblica di San Marino, Romania, Russia, Slovenia, Spagna, Svizzera, Turchia e Usa. Alla data di oggi, il numero degli iscritti emiliano romagnoli si attesta sui 380, mentre per quanto concerne i runner toscani, siamo sulle 260 unità. Molto florida la regione Lombardia, con ben 460 iscritti, la più popolosa tra quelle che non vantano un punto del tragitto sulla mappa della mitica ultramaratona.

Gli organizzatori ricordano che sino al 15 aprile 2017 la quota d’iscrizione alla 100 km del Passatore è fissata a 75 euro, dopodiché vi sarà l’ultimo scaglione dal 16 aprile al 15 maggio con quota stabilita a 95 euro. E’ possibile iscriversi alla Firenze-Faenza tramite il sito ufficiale della competizione www.100kmdelpassatore.it e presso la sede dell’Asd 100 Km del Passatore in via Cavour 7 a Faenza.

Sarà la 45edizione della 100 km del Passatore

Tra i favoriti attualmente iscritti alla 45^ edizione del ‘Passatore’, troviamo in campo maschile gli italiani Mirco Gurioli (6° assoluto alla Firenze-Faenza 2017), Nicola Zuccarello (1° alla 100 km del Tricolore 2014), Andrea Zambelli (4° assoluto alla Firenze-Faenza 2015), Matteo Lucchese (vice campione italiano master e vincitore della Pistoia-Abetone 2015) e Marco Lombardi (9° assoluto al ‘Passatore’ 2015), mentre per quanto concerne il campo femminile Veronika Jurisic (2^ tra le donne lo scorso anno alla 100 Km del Passatore), Fabiola Desiderio (vincitrice della Coast to Coast 2015 di Sorrento) e Natalina Masiero (senatrice della Firenze-Faenza con 34 partecipazioni e, tra i tanti risultati collezionati in carriera, 2^ di categoria alla Tds di 119 Km di Courmayer).

Il 23 aprile la passeggiata a Pieve Corleto

Restando in ambito podistico, il gruppo sportivo dell’Asd 100 Km del Passatore organizza quest’anno il 23 aprile, in occasione della 45^ Sagra di Primavera, la tradizionale passeggiata di 9 km a Pieve Corleto, ripercorrendo il tracciato iniziale della competizione. Ad essere premiate saranno le prime quindici società più numerose. Confermato inoltre il “memorial Tomaso Rondinini“, premio in ceramica assegnato al primo atleta delle categorie maschile e femminile, istituito per non dimenticare un collaboratore e sportivo storico legato al gruppo della 100 Km del Passatore.

Mungai Kagia vince la Maratona del Lamone

Il 9 aprile si è corsa invece la 41^ Maratona del Lamone, prima tappa del “Trittico di Romagna” del quale, come noto, fa parte anche la Firenze-Faenza. La competizione ha registrato un record di iscritti, oltre 2.800, con 741 runner (record storico) che si sono cimentati nel percorso di 42,195 km. A vincere è stato il kenyano debuttante Mungai Kagia, con un tempo di 2.16’13”. Presente alla manifestazione lo storico direttore di gara della 100 Km del Passatore Pietro “Pirì” Crementi, che ha partecipato alla cerimonia di premiazione. Primo tra gli italiani e 5° assoluto al traguardo Giuseppe Del Priore, seguito da Laura Gotti in 15esima piazza assoluta.

Dei 722 atleti che hanno concluso la maratona, attualmente tra i favoriti certi per la vittoria del “Trittico di Romagna” troviamo in campo maschile Stefano Velatta (campione italiano alla 100 km di Seregno ’17), Marco Serasini (3° assoluto nel 2013 al ‘Passatore’ e romagnolo più veloce di sempre alla Firenze-Faenza) e Mirco Gurioli (2° al “Trittico di Romagna 2016”), mentre per quanto riguarda il versante femminile troviamo Federica Moroni (vincitrice della maratona di Crevalcore 2017), Samantha Graffiedi e Silvia Carle.

Rispondi