Partita la sagra di Reda: tra i volontari anche 8 richiedenti asilo

Gli stand della Sagra del buongustaio a Reda hanno aperto le loro porte nella giornata di ieri, mercoledì 17 agosto, ma è da mesi che cuochi e cuoche lavorano per offrire il meglio della cucina romagnola nei giorni della festa, che terminerà il 22 agosto. Tra i volontari di quest’anno figurano anche alcuni richiedenti asilo della cooperativa Teranga di Ravenna. Una collaborazione nata nei mesi scorsi e che si è sviluppata per tutta l’estate. In accordo con gli organizzatori della festa, nel mese di luglio gruppi di quattro o cinque richiedenti asilo (prevalentemente nigeriani, maliani e gambiani) hanno dato una mano nella preparazione dei primi piatti della festa (cappelletti e orecchioni) e otto di loro saranno in servizio nelle giornate della Sagra come assistenza ai tavoli, pulizia, lavaggio piatti. “Ad inizio giugno abbiamo lanciato un appello alle associazioni tramite un incontro cittadino a Reda – racconta Giorgia Cavallaro, operatrice della cooperativa Teranga – e a chiunque volesse aiutarci a realizzare progetti di integrazione. Daniele Tassinari, organizzatore della sagra, è stato favorevole a quest’idea. E’ stata così possibile realizzare questo progetto d’integrazione, finora molto positivo, che continuerà per i prossimi giorni della Sagra”.

Sabato 20 inaugura la Mosta della Fruttiviticoltura

La Sagra del Buongustaio non è però solo primi piatti, carne ai ferri. E’ tutto pronto a Reda per ospitare la 35^ edizione della Mostra della Fruttiviticoltura, programmata sabato 20 e domenica 21 agosto prossimi nel cortile della scuola media di Reda, in via Selva Fantina 65, all’interno proprio della “Sagra del Buongustaio”. All’inaugurazione – sabato 20 agosto, alle ore 21 – interverranno l’assessore alle politiche agricole e ambiente del Comune di Faenza Antonio Bandini e l’economista agroalimentare Gian Luca Bagnara. Nei due giorni dell’evento si potranno visitare la mostra pomologica, curata dal Centro ricerche produzioni vegetali di Cesena (Crpv), e quella del vivaismo, ammirare le migliori varietà di frutta e vino locali e le più moderne attrezzature per l’agricoltura. La mostra sarà aperta al pubblico nei seguenti orari: sabato 20 agosto dalle 21 alle 24, domenica 21 agosto dalle 10 alle 23. Domenica mattina, alle ore 10, presentazione della mostra pomologica e illustrazione delle caratteristiche delle varietà di frutta esposte, con Daniele Missere e Stefano Foschi del Centro ricerche produzioni vegetali di Cesena.
La trentacinquesima edizione della Mostra della Fruttiviticoltura è organizzata dalla Pro Loco Reda e dal quartiere Reda, con la collaborazione del Comune di Faenza e il contributo della Banca di Credito Cooperativo ravennate e imolese.

Rispondi