Questione Rom a Faenza: se ne parla venerdì 20 maggio ai Salesiani

Questione Rom a Faenza: come procede il passaggio dalle roulotte alle case vere e proprie? Venerdì 20 maggio si farà il punto sul progetto di inserimento abitativo attraverso un incontro pubblico che si terrà nell’aula 1 del complesso ex-Salesiani (via San Giovanni Bosco 1) con inizio a partire dalle 18:30. La serata dal titolo “Il corpo estraneo, prove di comunità” è organizzata dal Comune di Faenza in collaborazione con la Fondazione Romanì, l’associazione di Pescara che dal marzo 2015 si occupa di gestire l’inserimento della comunità Rom all’interno della nostra città.

Lega Nord: “case regalate”

Non sono mancate le polemiche da parte della Lega Nord per questo progetto di inserimento abitativo. «Io credo che qualsiasi persona di buon senso e che rispetta Faenza – ha dichiarato nella giornata odierna il consigliere comunale della Lega Nord Jacopo Berti – si sentirebbe indignata a vedere titoli di giornale dove si spiega che l’integrazione delle famiglie Rom deve partire dalla casa, casa per di più “regalata” dal comune, a discapito di tanti italiani in lista di attesa». Nelle scorse non sono mancate altre polemiche da parte della Lega Nord, tramite i portavoce Andrea Liverani e Gabriele Padovani: «Si tolgono le case ai faentini regolarmente in graduatoria – hanno dichiarato i due esponenti del carroccio – in attesa da anni, per darle ai rom, e dobbiamo sentirci dire dall’assessore alle politiche sociali che va bene così?»

Rom a Faenza: un progetto d’integrazione

Durante l’incontro referenti e operatori impegnati nel progetto mostreranno i risultati di questi mesi volti a realizzare un’integrazione abitativa delle comunità Rom in città. La serata sarà così un modo per i faentini di conoscere direttamente numeri, fatti e problematiche di questo percorso di integrazione. Troppo spesso infatti nel contesto faentino si è delegato questo argomento a media faziosi e superficiali (sia da una parte “politica” che dall’altra). Per questo partecipare direttamente a questi incontri può essere un modo per riuscire ad avere un’idea più matura sulla questione. Anche solo il fatto di essere lì e partecipare significa “essere una comunità”.

Un pensiero riguardo “Questione Rom a Faenza: se ne parla venerdì 20 maggio ai Salesiani

Rispondi