Referendum: il 2 dicembre Paolo Maddalena a Faenza

Ultimi giorni di campagna elettorale ed ultimi appuntamenti per i comitati promotori del Sì e del No alla riforma. Se lunedì si è visto il passaggio in città del ministro Boschi, che ha incitato i sostenitori della riforma ad uno sprint finale per convincere gli indecisi (che secondo i sondaggi sono circa il 20% dei potenziali votanti), anche l’ampio mondo di partiti ed associazioni che si oppongono alla proposta di revisione costituzionale non è rimasto a guardare e il prossimo 2 dicembre accoglierà a Faenza l’ex membro della Corte Costituzionale Paolo Maddalena.

Le ragioni del No: le iniziative del Movimento 5 Stelle

Nei giorni scorsi il Movimento 5 Stelle, schierato tanto a livello nazionale quanto a livello locale contro la riforma Renzi-Boschi, ha realizzato venerdì 25 e sabato 26 un banchetto “non stop” per dare maggiore visibilità alle proprie ragioni. Nelle stesse giornate gli attivisti del partito di Beppe Grillo hanno portato avanti diversi flash mob srotolando in diversi punti nevralgici di Faenza (sagrato del Duomo, piazza del Popolo, corso Mazzini) uno striscione che recita: il 4 dicembre dico “No!” per difendere la costituzione e la democrazia. L’obiettivo primario per il Movimento 5 Stelle è quello di portare al voto i propri sostenitori, indispensabili per una vittoria del No: sia sulla base dei voti reali del 2014 sia sulle stime degli ultimi sondaggi il M5S rappresenta fra il 20 e il 30% dei votanti, una fetta fondamentale per portare il “No” alla vittoria nelle urne.

Ai Salesiani l’incontro con Paolo Maddalena

Ma non è attivo solo il M5S a Faenza: il grande evento conclusivo della campagna per il No si terrà proprio l’ultima sera prima del silenzio elettorale ed è organizzato dal coordinamento delle forze progressiste che si oppongono alla riforma (al M5S si aggiungono Sinistra Italiana, Arci, Cgil e il Comitato per la difesa e la valorizzazione della Costituzione). Venerdì 2 dicembre alle ore 20.30 presso i Salesiani il coordinamento dei candidati contrari alla riforma promuove un ultimo evento di approfondimento con il giurista Paolo Maddalena.

Maddalena, già magistrato della Corte dei Conti e membro della Corte Costituzionale fra il 2002 e il 2011, illustrerà le motivazioni del “No”, per poi rispondere alle domande degli intervenuti. A conclusione della serata un momento di festa, con musica dal vivo. Domenica notte sapremo se le tante iniziative organizzate dal fronte del “No” saranno servite a raggiungere i cittadini e convincerli delle ragioni per cui bocciare la riforma.

Rispondi