Ospedale: allontanati dalla Polizia due parcheggiatori abusivi

Proseguono le azioni di controllo antidegrado e sicurezza urbana nelle aree sensibili del territorio faentino da parte della Polizia municipale dell’Unione della Romagna faentina: in particolare è all’interno del parcheggio dell’Ospedale che vengono svolti con regolarità servizi di controllo e presidio, nella prime ore della mattinata, in concomitanza con la maggior concentrazione di accessi alla struttura sanitaria. Nella mattinata di mercoledì 26 settembre 2018, gli agenti hanno individuato nel parcheggio dell’Ospedale civile due persone di nazionalità nigeriana intenti a esercitare abusivamente l’attività di parcheggiatore: intervendo in abiti e con mezzi civili, gli agenti hanno colto sul fatto i cittadini stranieri che richiamavano le auto degli utenti del parcheggio per indirizzarle verso i posteggi liberi chiedendo un contributo per questa attività accostandosi ai conducenti con fare insistente.

I due uomini sono stati allontanati dall’area

I due uomini, uno dei quali aveva tentato la fuga, sono stati fermati e accompagnati presso il comando della Polizia municipale per l’identificazione, alla luce della quale la loro presenza sul territorio nazionale è risultata regolare. Agli stessi sono state contestate le violazioni previste per esercizio abusivo dell’attività di parcheggiatore (con sanzione di mille euro), alla quale è conseguita la notifica dell’ordine di allontanamento, da parte della stessa Polizia municipale: si tratta del provvedimento a tutela della sicurezza urbana che prevede l’allontanamento della persona dal luogo in cui è stato commesso il fatto, previsto dal “decreto Minniti” (dl 14/2017)

Applicato dalla Polizia un provvedimento del ‘decreto Minniti’

In caso di inottemperanza all’ordine di allontanamento o di reiterazione del medesimo, la norma prevede che il Questore possa emanare il cosidetto “Daspo urbano”, un provvedimento a tutela del decoro delle aree sensibili in caso di pericolo e minaccia per la sicurezza pubblica. Quello di stamattina rappresenta il primo caso di applicazione – a Faenza – della possibilità offerta dal “decreto Minniti”, quale conseguenza della individuazione delle “aree sensibili” all’interno del Regolamento di Polizia Urbana, recentemente modificato a questo proposito dal Consiglio dell’Unione Romagna Faentina.

In precedenza, infine, era toccato a uno straniero di origine senegalese senza fissa dimora e già residente in Toscana, essere denunciato per il reato di cui all’art. 10 bis D.Lgs 286/98 (Legge Bossi-Fini) – per soggiorno illegale nel territorio dello stato italiano e con diversi alias. Si trattava di una persona coinvolta in incidente stradale, e per questo motivo sottoposto ai necessari controlli da parte della pattuglia infortunistica della Polizia Municipale dell’Unione.

Al servizio di controllo collaborano, più giorni alla settimana, sia gli assistenti civici, sia i volontari faentini della associazione nazionale Carabinieri, con la loro presenza protratta nell’arco della mattina consentono di allontanare e di prevenire presenze moleste, per la tranquillità dei fruitori del parcheggio e dell’ospedale.
.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.