Mio fratello rincorre i dinosauri di Stefano Cipani

Leggero, insolito ma con un interessante sviluppo questa pellicola tanto discussa ti porterà nell’adolescenza di Jack che crescerà insieme a te. “Mio fratello rincorre i dinosauri” è un’opera di Stefano Cipani, che ha tratto questa commedia da un romanzo autobiografico di Giacomo Mazzariol. Realizzato nel 2019 con una produzione italiana e una durata di 101 minuti, il film è uscito nelle sale cinematografiche il 5 settembre 2019 con distribuzione ‘Eagle Pictures’; tra i protagonisti possiamo trovare due attori di rilievo per il cinema italiano: Alessandro Gasman e Isabella Ragnonese.

Mio fratello rincorre i dinosauri: la storia di due fratelli

Mio fratello rincorre i dinosauri

“Mio fratello rincorre i dinosauri” segue la storia di Jack (Francesco Gheghi) che fin da piccolo ha creduto alla tenera bugia che i suoi genitori gli hanno raccontato, ovvero che Gio (Lorenzo Sisto), suo fratello, fosse un bambino “speciale”, dotato di incredibili superpoteri, come un eroe dei fumetti. Con il passare del tempo Gio, affetto dalla sindrome di Down, per suo fratello diventa un segreto da non svelare. Con questo sentimento nel cuore, trascorre il tempo delle scuole medie. Solo quando Jack conosce il primo amore, Arianna (Arianna Becheroni), il suo mondo cambierà con lui e anche le sue priorità.

Un film che racconta come affrontare i problemi e non fuggirne

Questa pellicola si incentra sullo sviluppo dei due fratelli mostra come si cambia dall’età dei perché fino ad arrivare all’adolescenza una delle fasi più complicate nel percorso di crescita che ognuno di noi ha percorso, sta percorrendo o percorrerà nella propria vita. L’idea che si nasconde dietro a questo film mi rincuora, perché credo che possa essere una fonte di speranza e di nobiltà d’animo, le quali potrebbero diventare d’ispirazione per le famiglie con tali situazioni; penso, inoltre, che quest’opera colpisca anche gli adolescenti, che però credo facciano più fatica a recepire il concetto che si vela al suo interno, ovvero, affrontare i problemi e non fuggirne o mentire agli altri e a se stessi, perché quando si mente oltre che a fare un torto a chi ci è vicino, lo si fa anche a noi. L’unico lato negativo di questo film è, in alcuni passaggi, la recitazione: con alcuni attori si nota la scarsa o la totale assenza di esperienza, ma “Mio fratello rincorre i dinosauri” merita sicuramente di essere visto per il suo contenuto.

Valentina D.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.