Con i migranti contro le barbarie: anche l’Altra Faenza e Legambiente partecipano

Una giornata “Con i migranti contro le barbarie”. Sabato 27 ottobre 2018 dalle ore 10 in piazza del Popolo, nello spazio davanti alla torre dell’orologio, verrà organizzato un sit-in per distribuire volantini e svolgere brevi interventi e testimonianze a favore dell’accoglienza degli immigrati. Parteciperanno: Anpi Castel Bolognese, Anpi Faenza, Centro di documentazione don Tonino Bello, Cgil Faenza, Circolo Arci Prometeo, Cisl Faenza,Comitato per la difesa e la valorizzazione della Costtuzione di Faenza, Comitato Spontaneo per la Pace, Farsi Prossimo, Fiab, Fim-Cisl, Fiom-Cgil, Gruppo Emergency Faenza, Legambiente Lamone Faenza, Movimento federalista Europeo, Pax Christ, Qualcosadisinistra.info, redazione “Il castello di CastelBolognese”, Salvaiciclisti Faenza, Scuola di Italiano per Migranti Penny Wirton, Teatro Due Mondi / Senza confini.

L’Altra Faenza: “Contro una logica che punta a mettere i poveri contro i poveri”

Anche l’Altra Faenza aderisce e partecipa alle iniziative della giornata “Con i migranti contro la barbarie”. «Schierarsi con gli ultimi – scrive l’Altra Faenza in un suo comunicato – non risponde soltanto a ragioni di umanità e di giustizia sociale: assume maggiore significato in giorni in cui una propaganda ispirata da sentimenti cattivi e razzisti punta a mettere i poveri contro i poveri. E mentre si colpiscono persone ed esperienze che dimostrano come la solidarietà e l’integrazione possano tradursi in civile convivenza e in fattore di benessere. Dall’odio e dall’intolleranza non nasce mai nulla di buono».

«Non sono gli immigrati a sottrarre lavoro e risorse alle famiglie in povertà – prosegue la nota – ai giovani senza lavoro o precari, agli anziani soli e con pensioni che non consentono una vita dignitosa. Ai bisogni dei tanti che vivono in queste condizioni non basta concedere – o promettere – elemosine, occorrono politiche che riducano le disuguaglianze, creino lavoro dignitoso, assicurino servizi pubblici accessibili a tutti. Vanno in tutt’altra direzione provvedimenti che favoriscono i ricchi (flat tax) e i disonesti (condoni fiscali). Facciamo nostro il pensiero del prete di Barbiana, don Lorenzo Milani: “Se voi avete il diritto di dividere il mondo in italiani e stranieri, allora io reclamo il diritto di dividere il mondo in diseredati da un lato, privilegiati e oppressori dall’altro. Gli uni sono la mia Patria, gli altri i miei stranieri”».

Legambiente: “Promuoviamo una battaglia di civiltà”

«Aderiamo ai contenuti dell’appello nazionale – scrive Legambiente – e come associazioni del territorio faentino promuoviamo questo sit-in per distribuire volantini e svolgere brevi interventi e testimonianze. Siamo contro razzismo e xenofobia, che vengono ogni giorno instillati tra gli italiani, da ministri dell’odio, strumentalizzando il disagio e la sofferenza di milioni di italiani, per rivolgere la rabbia nei confronti dei migranti: le persone più deboli dei nostri tempi. Vogliamo condurre una battaglia di civiltà, contro le diseguaglianze, contro le vecchie e nuove povertà, sociali e culturali, in difesa della democrazia costituzionale, i cui principi debbono valere per tutti».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.