A Faenza torna la neve di novembre: non accadeva dal 2008

La forte ondata di maltempo che ha colpito il faentino lunedì 13 novembre 2017 è stata davvero intensa. Alle ore 19.30, l’Osservatorio “Torricelli” ha registrato un quantitativo pluviometrico di ben 82 mm d’acqua caduti in 19 ore di precipitazioni ma col perdurare della pioggia la cifra è destinata a crescere nelle prossime ore. Quantitativi del genere in meno di 24 ore, pur non essendo da record, si classificano tra i primi posti degli ultimi 72 anni a Faenza. Da segnalare la prima nevicata di stagione, avvenuta appunto nella prima parte di novembre. In città l’accumulo è stato poco più di un’imbiancata, ma è abbastanza significativa la precocità di questo episodio nevoso con leggero accumulo. A parte fiocchi locali nel novembre 2007 e novembre 2008, era dal 2005 che a novembre non nevicava con maggiore consistenza.

Il 3 novembre 1980 la nevicata ‘più precoce’ del Dopoguerra

La nevicata più precoce dal Dopoguerra a Faenza comunque risale al 3 novembre 1980, quando a Faenza centro si misurarono 20 centimetri di neve al suolo. Notevole la temperatura registrata a metà mattina, solo +0,4°C, ovvero 10°C in meno della norma del periodo. Un “attacco” invernale in piena regola contraddistinto da raffiche burrascose di maestrale, il vento da nord-ovest. Si spera che lo scioglimento della neve in Appennino nelle prossime ore, e l’insistenza delle piogge a quote più basse non determino disagi ulteriori.

Nota statistica: A novembre a Faenza la neve si è presentata 15 volte in 72 anni,ovvero mediamente una volta ogni cinque anni. Era dal novembre 2008 che i fiocchi bianchi non visitavano la città, e pertanto questo fenomeno era in clamoroso ritardo. A volte,anche in meteorologia la legge dei grandi numeri conta.

Roberto Gentilini

Foto: Samuele Marchi

Disagi per la neve a Palazzuolo

Disagi e problemi anche a Palazzuolo sul Senio a causa dell’ondata di maltempo che ha colpito l’Italia nella giornata di lunedì 13 novembre. Circa 15 centimetri di neve si sono riversati nel territorio procurando non pochi disagi. A causa della caratteristica molto particolare di queste precipitazioni, molto pesanti in quanto si è trattato di neve mista, decine e decine di alberi, ancora coperti dalle foglie, non hanno retto al peso. Rami spezzati e rovesciamenti veri e propri degli stessi hanno tenuto impegnati le squadre di pronto intervento comunali attive già dal mattino presto. Assieme a loro hanno lavorato affiancati anche operai forestali con attrezzature adeguate a mettere in sicurezza la situazione e in alcuni casi ad abbattere alberi in procinto di crollare.  Durante tutta la giornata a causa della pesantezza della neve accumulatasi sui rami che cadendo hanno abbattuto i fili della linea elettrica anche l’approvvigionamento di energia ne ha risentito con continui blocchi del servizio.

Per quanto concerne la viabilità allo stato attuale le squadre comunali sono all’opera per ripristinare luna situazione di sicurezza nel forse mentre il passo del Giogo e quello della Colla sono stati chiusi a causa di crolli di alberi sulla carregiata. Rimane aperto, con obbligo di transito con catene, invece il passo della Sambuca. Visto il perdurare della situazione di maltempo si consiglia di mettersi in viaggio solamente se necessario.

Rispondi