Cambiamo-Ci: un crowdfunding per un nuovo spogliatoio a Borgo Tuliero

Una raccolta fondi per dare la possibilità ai 120 tesserati dell’Asd Borgo Tuliero di cambiarsi in uno spogliatoio attrezzato e poter avere una struttura in grado di rispondere alle esigenze dei tanti bambini che amano il gioco del calcio. E’ sbarcato sul portale web Idea Ginger il crowdfunding “Cambiamo-Ci tutti a Borgo Tuliero”, organizzato dall’Asd Borgo Tuliero di Faenza per dare uno spazio e un futuro a decine e decine di bambini. Obiettivo da raggiungere: 7mila euro; sul portale è possibile fare una donazione e, con il contributo di tutta la comunità, si vuole trasformare il sogno di un nuovo spogliatoio in realtà. I sottoscrittori del progetto possono fare una donazione sul portale Idea Ginger fino al 16 febbraio 2018. La raccolta fondi avviene con l’importante parternship e sponsorizzazione de “La Bcc ravennate, forlivese e imolese”.

Una donazione per dare un nuovo spogliatoio ai 120 tesserati dell’Asd Borgo Tuliero

«Ora siamo tantissimi e siamo felicissimi di giocare e divertirci in collina ma abbiamo un problema: non riusciamo più a cambiarci tutti insieme, a prepararci per gli allenamenti. Gli spogliatoi non sono più sufficienti»: è da questa necessità che è nata l’idea di ristrutturare i vecchi locali, ora adibiti a magazzino, e creare almeno un nuovo spogliatoio a disposizione per i bambini e per i ragazzi. «La Asd Borgo Tuliero – scrivono i promotori dell’iniziativa – è una realtà positiva del calcio giovanile nel faentino; è in collina, è solare e raccoglie tutti i bambini e i ragazzi che non riescono a trovare spazio nelle più blasonate associazioni sportive della città e che hanno a cuore unicamente la gioia di allenarsi, di crescere fisicamente e di competere con serenità in quello che è il fantastico gioco del calcio. L’accoglienza è per noi un marchio di fabbrica che ci pervade oramai da diversi anni e che ci ha permesso in questi ultimi mesi, insieme anche ad una rinnovata compagine organizzativa, di raggiungere piccoli nuovi traguardi: oggi gestiamo circa 120 tesserati contro i poco più di 70 degli anni passati». Tuttavia al crescere di numero cresce anche la complessità organizzativa, mentre si restringe la capacità di accogliere tutti quanti restando immutate le strutture fisse (campo e spogliatoi in primis).

Su Idea Ginger è possibile fare donazioni fino al 16 febbraio 2018

Da qui due necessità: un campo da calcio e degli spogliatoi in più. Mentre per il primo si sta studiando un progetto per riqualificare il campo da calcetto dell’adiacente circolo ricreativo, e nel frattempo possiamo sopperire con alcune collaborazioni con le società sportive vicine, per i secondi si è pensato di rimettere a nuovo i vecchi spogliatoi ora adibiti a magazzino. Si tratta di una necessità impellente dato che i ragazzi delle diverse annate e dei diversi corsi si incrociano spesso nelle docce che devono condividere durante gli allenamenti settimanali, con tutte le problematiche che ne derivano sia per loro che per i genitori.

Per riuscirci serve una ristrutturazione di tutto l’impianto elettrico ed idraulico, in particolar modo nuove tubazioni, miscelatori, docce e un bollitore da 500 litri. «Se riuscissimo a rimettere in funzione i vecchi spogliatoi, riattivando due locali aggiuntivi e otto docce, eviteremmo le code che spesso si formano – affermano dall’Asd Borgo Tuliero – i disagi per i nostri piccoli che faticano a trovar un posto nelle panchine per cambiarsi, e riusciremmo a velocizzare i tempi di cambio, con piena soddisfazione dei genitori sempre di corsa tra lavoro, impegni extra e famiglia. E perché no, forse riusciremmo anche ad accogliere ancor più bambini».

“Con il crowdfunding vogliamo dare la possibilità alla comunità di partecipare attivamente”

Perché l’idea di una campagna crowdfunding? «Abbiamo lanciato questa campagna di raccolta fondi – rispondono gli organizzatori – per permettere a chiunque di partecipare e di unire a noi le proprie forze, così che l’insieme di tutti i contributi raccolti ci permetta di realizzare il nostro sogno trasformandolo in tanti sorrisi dei nostri ragazzi e dei loro genitori. Troppo spesso per risolvere i problemi proponiamo soluzioni che qualcun altro dovrebbe portare a termine. Attraverso questa campagna di crowdfunding abbiamo ora la possibilità non solo di dire la nostra, ma di partecipare attivamente e avere la soddisfazione di essere parte della soluzione.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.