Museo diffuso di Brisighella: a Marzeno la presentazione del progetto di Angela Esposito

Dagli scavi di Rontana alla Rocca passando per la Vena del Gesso: fra i punti fondamentali del programma di mandato della candidata sindaco di Brisighella Angela Esposito, la valorizzazione culturale e il potenziamento del richiamo turistico hanno un’importanza primaria e per questo sarà presentato il progetto di un museo diffuso che metta in sinerga le opportunità attrattive del territorio. «Nel corso del 2018 Brisighella – si legge in un comunicato stampa della lista – ha registrato la presenza di oltre 17mila turisti per più di 35mila notti pernottate, con un aumento a due cifre rispetto alla situazione del 2009. E anche le numerose trasmissioni televisive (su canali italiani ma anche di altri paesi europei) hanno certamente aiutato questa crescita». La presentazione ufficiale del progetto si terrà nella serata di giovedì 2 maggio ore 20.45 a Marzeno, al circolo Arci di via Moronico 1.

Nel 2018 oltre 17mila turisti in visita a Brisighella

«Guardando al prossimo quinquennio, il programma di mandato proposto da Angela Esposito – continua – intende continuare a innovare nel settore turistico coniugando l’enogastronomia, il paesaggio, la storia, la cultura e l’ambiente, puntando sull’efficace slogan secondo cui “Il potenziale di Brisighella è Brisighella”. Centrale, in questa prospettiva di sviluppo, è la realizzazione del museo diffuso denominato “L’uomo e il gesso”, a cui sta lavorando in particolare l’archeologo Enrico Cirelli, professore dell’Università di Bologna e Alessandro Ricci, entrambi candidati al Consiglio comunale nella lista “Insieme per Brisighella”, che sostiene la candidatura di Angela».

Prosegue la candidatura Unesco della Vena del Gesso

Il progetto intende mettere a sistema il patrimonio storico culturale e ambientale del borgo e della Vena del Gesso Romagnola: «il Museo diffuso comprenderà cioè diversi luoghi di sicuro rilevo storico e di grande suggestione ambientale (il Borgo e la Via degli Asini, Pieve Tho e la sua cripta, gli scavi archeologici di Rontana e Ceparano, la Fornacella del gesso, il Convento dell’Osservanza, la Rocca con l’allestimento dei reperti archeologici, la Torre dell’Orologio, il Museo geologico del Monticino, il Centro Visita Ca Carnè, Monte Mauro e le cave di Lapis Specularis), fungendo insomma da “fil rouge” per la scoperta del territorio, destinata a un turista curioso e attratto da richiami diversi e integrati. Al tempo stesso – conclude – l’intento del candidato sindaco è quello di continuare a lavorare per ottenere il riconoscimento della Vena del Gesso quale Patrimonio dell’Unesco».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.