Wu Ming 2 in Biblioteca Manfrediana per il festival Wam!

Un incontro, tra letteratura, politica e storia, sul tema della differenza. Venerdì 18 ottobre, alle ore 18.30, in Biblioteca Manfrediana si terrà l’incontro con Wu Ming 2, nell’ambito di Wam! Festival di Danza, Teatro e Performance. Wu Ming è un collettivo di scrittori, nato nel 2000, autori di Q, 54, Manituana, Altai e altri romanzi storici. In varie fasi della sua storia, il collettivo ha contato quattro, cinque e di nuovo quattro membri. Dal 2015 sono un trio, mentre come solisti si firmano «Wu Ming 1», «Wu Ming 2» e «Wu Ming 4», in progressione geometrica. La numerazione segue l’ordine alfabetico dei loro cognomi: (Roberto) Bui, (Giovanni) Cattabriga e (Federico) Guglielmi. Wu Ming 2, nel corso dell’incontro, si soffermerà sul focus sulla Differenza in chiave politica, storica e nazionale, riflettendo intorno ad alcune delle opere letterarie più significative del collettivo. Wu Ming 2, come solista, è autore dei romanzi Guerra agli umani, Il sentiero degli dei, Timira (scritto con Antar Mohamed) e Il sentiero luminoso.

Wam! Festival di Danza, Teatro e performance

Il festival quest’anno si interroga sul tema della Differenza, intesa come distanza, come spazio fisico necessario per mettere a fuoco (un testo, un paesaggio, una persona), per vedere e saper vedere, per fare ordine, per permettere alle categorie mentali e culturali di organizzarsi e attivarsi criticamente nei confronti dell’altro da sé. «Il segno che abbiamo scelto per rappresentarci – spiegano gli organizzatori – è una pecora. Un ribaltamento di prospettiva, non un gregge di pecore, che nell’immaginario collettivo sono una la copia dell’altra ( la pecora Dolly…), tutte omologate e con i medesimi pensieri, bensì un gregge di pecore una differente dall’altra. Insieme, un gruppo, ma diverse una dalle altre».

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.