A Bottega Bertaccini arriva la mostra di Valter Guidi “Paesaggi di Romagna”

Dopo la pausa imposta dal Covid-19, riprendono le mostre autunnali d’arte alla Bottega Bertaccini di Faenza, nel rispetto delle misure di sicurezza. Sabato 3 ottobre alle ore 18 inaugura la mostra di Valter Guidi “Paesaggi di Romagna”. Per evitare assembramenti, non ci sarà una inaugurazione vera e propria, l’accesso sarà consentito a tre persone alla volta. A seguire, sotto l’androne del palazzo che ci ospita (al coperto ma all’aperto), ci sarà una breve presentazione della professoressa Debora Bettoli. A chi vorrà partecipare chiediamo di indossare la mascherina. La mostra resterà aperta fino al 31 ottobre nei seguenti orari: 9.30-12.30 / 15.30-19.30. Chiuso domenica e lunedì mattina

Valter Guidi, uno sguardo concreto sul paesaggio

Valter Guidi è nato nel 1948 a Ravenna. Ha frequentato il liceo Artistico e un corso di pittura presso l’Accademia delle Belle Arti sotto la guida di Umberto Folli. Dal 1969 al 1990 dipinge con tecniche miste (compatibilmente con il lavoro di disegnatore edile e con la passione di cantante…). Dal 2003, dopo aver visitato diverse mostre dei maggiori pittori impressionisti francesi, inizia a specializzarsi nella pittura ad olio, e successivamente ad acrilico. Da allora nei suoi dipinti predilige l’ambiente paesaggistico e la campagna che ci circonda, cercando di catturare e restituire sulla tela, le luci e i colori degli scorci romagnoli.
Ha partecipato a numerose mostre in diverse città (Forlì, Cervia, Russi, Ravenna e Bologna). Nel 2017 vince il Primo Premio alla mostra “Fior di pittura” a Cattolica come miglior ambientazione naturale.

Sulla attività del pittore, Lucio Ronconi ha scritto: “Costruire ciò che si vede è la poetica e la prassi di Valter Guidi, che affronta la realtà evitando ogni pregiudiziale teorica, filosofica o religiosa: non c’è causa, non c’è fine. La realtà è, per Guidi, un insieme di immagini che l’occhio afferra ma il veduto passa, il dipinto resta, sembra volerci dire. Questo è il lavoro di Valter Guidi, che col suo sguardo concreto ci porta nelle verdi pinete estive dove profumano le resine, fra i vialetti dei capanni da pesca, sulle strade alberate e baciate dal sole, fra le acacie fiorite, nella neve sulla spiaggia, e sui cespugli marini. Le vedute paesaggistiche sono sottolineate da una pittura di precisione tanto verosimile da sembrare fotografia”.

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.