Tutti i 6 Comuni dell’Unione “In cammino verso i diritti”, tanti eventi e laboratori online

Dialogo interreligioso e interculturale, diritti umani e di cittadinanza: l’Unione della Romagna faentina promuove un nuovo progetto dedicato al rispetto e alla valorizzazione dei diritti umani come mezzo per far crescere il singolo e la comunità. Un unico filo conduttore unirà da ottobre a dicembre Faenza, Brisighella, Casola Valsenio, Castel Bolognese, Riolo Terme e Solarolo attraverso laboratori, incontri e conferenze online, proponendo alla cittadinanza opportunità di dialogo e di crescita avendo come punto di riferimento gli obiettivi Onu dell’Agenda 2030. «Grazie al dialogo delle diversità culturali, sociali e religiose – spiega il presidente del consiglio comunale di Faenza, Niccolò Bosi – vogliamo portare una maggiore consapevolezza dei diritti e doveri dei cittadini. Fondamentale è avere sempre, come comunità aperta, un approccio curioso verso ciò che ci sta attorno».

Dialogo interreligioso e interculturale

Le attività del percorso “In cammino verso i diritti” si articoleranno nei sei Comuni su quattro versanti: il dialogo interreligioso; il dialogo interculturale; l’attenzione alle fasce di cittadinanza più deboli; i diritti umani. Il primo filone, dedicato al dialogo interreligioso, è partito domenica scorsa con la tradizionale Camminata del dialogo. Su questo tema, con modalità ancora da definire a causa del nuovo Dpcm, sono in programma a Faenza due ulteriori appuntamenti dal titolo “Un nuovo sogno di fraternità e di amicizia sociale”. Venerdì 6 novembre alle 20.45 si svolgerà l’incontro con frate Ignazio De Francesco, monaco della piccola Famiglia dell’Annunziata, mentre il 13 novembre, sempre alle 20.45, è in programma l’incontro-conferenza con Hassad Samid del Centro di cultura islamica di Ferrara.

Il secondo filone è dedicato al dialogo interculturale, affrontato dai Comuni di Casola Valsenio e Riolo Terme anche tramite l’enogastronomia. Verrà infatti realizzato un ricettario online che possa diffondere le specificità delle diverse nazionalità presenti nella Romagna Faentina.

Discriminazione di genere e diritto al lavoro

Per quanto riguarda il terzo filone, si parlerà di contrasto alle forme di discriminazione e di violenza nei confronti delle donne in un convegno online che coinvolge il Comune di Brisighella, in programma il 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Sempre a Brisighella si svolgeranno anche laboratori, in collaborazione con Sos Donna, con le scuole. Si parlerà anche del tema del diritto al lavoro tramite un convegno online che sarà realizzato a Castel Bolognese, in collaborazione con i sindacati, il 28 novembre dalle ore 9 alle 12. Al centro del progetto anche il supporto alle attività produttive oneste e il contrasto alla criminalità organizzata. In questo caso sarà Solarolo a ospitare a novembre il convegno online sul tema, in collaborazione con Libera e Avviso Pubblico.

L’attenzione ai più piccoli

Non mancano anche le iniziative rivolte ai più piccoli. Martedì 10 novembre, alle 17.30, si potrà seguire la diretta Facebook dalla pagina della biblioteca “Mario Maraini” di Solarolo lo spettacolo “Racconti per un mondo diritto”, narrazione in musica per celebrare i diritti dei bambini a cura di Alfonso Cuccurullo e Federico Squassabia. Infine, lunedì 16 novembre alle 20.30, si potrà seguire sulla piattaforma Zoom il convegno “Mondo fa rima con noi”, in cui si parlerà dei diritti dei bambini e degli adolescenti con l’aiuto della letteratura per ragazzi. La conferenza online è rivolta ad adulti, genitori, educatori e insegnanti ed è a cura di Valter Baruzzi, pedagogista e direttore scientifico dell’associazione nazionale Camina.

La 1^ marcia dei diritti a Castel Bolognese

Il quarto filone del progetto prevede la realizzazione di una prima “marcia dei diritti” a Castel Bolognese lungo il fiume Senio, in occasione della Giornata mondiale dei diritti umani (12 dicembre). La marcia sarà anticipata da momenti laboratoriali nel mercato cittadino (il 6 novembre dalle 10 alle 12) e nei supermercati di Castel Bolognese (il 14 novembre dalle 10 alle 12 al Despar e dalle 14 alle 16 al Conad). Un ulteriore laboratorio è previsto nel chiostro comunale il 21 novembre dalle 15 alle 17. Per ulteriori informazioni contattare il Villagio Globale al numero 349 6481710. Sarà possibile seguire i vari eventi tramite le pagine Facebook dei Comuni e dell’Unione.

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.