Il 19 dicembre la presentazione del 72simo numero della rivista “Torricelliana”

E’ uscito il nuovo numero della rivista della Società Torricelliana di Scienze e Lettere. Domenica 19 dicembre alle 17.30 verrà presentato presso la Bottega Bertaccini di Faenza alla presenza degli autori. Sarà necessario, in ottemperanza alle misure vigenti anti-contagio, l’utilizzo della mascherina e l’esibizione del Green Pass.

Il 72simo numero della Torricelliana

Il nuovo numero, il 72simo dalla rivista, contiene molti interventi diversi tra loro e racchiude anche il ricordo di alcuni soci scomparsi. Riportiamo qui nello specifico gli autori e i temi di questa edizione.

  • Stefano Drei, Quando in Faenza… Storie, luoghi, personaggi faentini nell’opera di Dante
  • Giovanni ValdrèGian Carlo Grillini, I fondamenti e l’importanza della Mineralogia negli studi sui Beni Culturali: esempi dalla Domus Pasolini a Faenza
  • Rolando Giovannini, Design ceramiche dell’architettura e piccola serie a Faenza
  • Rolando GiovanniniAlessandro Montevecchi, Valeria Emiliani (1965-2014) Una creativa nel campo letterario, della fotografia del progetto e del design
  • Marcella Vitali, Nuovi contributi e proposte per Palazzo Milzetti
  • Anna Colombi Ferretti, Un ovale Cinquecentesco già in Palazzo Milzetti. Una proposta per Giuseppe Porta
  • Ruggero Benericetti, Gli architetti Domenico e Giovanni Battista Trefogli a Faenza
  • Andrea Fabbri, Decoratori faentini a Londra a fine Ottocento: Farina, Marcucci e Rava. L’arte di Achille Farina il giovane
  • Pietro Lenzini, Un’inedita “Regina Angelorum” di Romolo Liverani
  • Anna Tambini, Un manoscritto inedito di Carlo Grigioni: Pittori romagnoli in Roma nel XV e XVI secolo
  • Stefano Dirani, Francesco Nonni e le tendenze dell’arte negli anni Cinquanta e Sessanta
  • Alessandro Montevecchi, La “verità sfacciata” di Olindo Guerrini.

Che cos’è la Società Torricelliana?

La Società Torricelliana non sta mai ferma. Un passo alla volta, ogni anno, da oltre settant’anni, ci consegna una copia della sua rivista che è ricca come un libro.  La società è sicuramente una delle più longeve istituzioni culturali di Faenza. La sua nascita risale al luglio 1947 ad opera di studiosi di scienze fisiche, naturali, sociali, storiche e letterarie con lo scopo di promuovere gli studi e la cultura faentina in genere. Fra i soci della Torricelliana, nel corso degli anni, è possibile riconoscere i più grandi protagonisti della cultura locale e molti esponenti di quella nazionale. Le sue principali attività consistono nella gestione del Museo Torricelliano e dell’annessa biblioteca in Palazzo Laderchi, nella organizzazione di convegni tematici, giornate di studio e altri eventi culturali. La società pubblica la propria rivista, la “Torricelliana”, già dal 1945, e circa un mese fa ha pubblicato il 72simo numero.

Letizia Di Deco

Classe 1998, vivo a Faenza. Mi sono laureata in Lettere Moderne all’Università di Bologna e qui continuo a studiare Italianistica. In attesa di tornare in classe da prof, mi piace fare domande a chi ha qualcosa di bello da raccontare su ciò che accade dentro e fuori le pareti della scuola. Ho sempre bisogno di un buon libro da leggere, di dire la mia opinione sulle cose, di un po' di tempo per una corsetta…e di un caffè

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.