La top 10 delle migliori scuole per trovare lavoro in provincia di Ravenna

Sono ancora loro tre le migliori scuole della provincia di Ravenna per trovare lavoro: al primo posto il Marconi di Lugo, seconda piazza per l’Itip Bucci di Faenza e medaglia di bronzo per il Manfredi di Lugo. Fuori dalla top 10 le scuole del capoluogo di provincia. Sono stati diffusi l’8 novembre 2017 i nuovi dati dello studio Eduscopio dalla Fondazione Agnelli, che ha valutato oltre 6mila istituti in tutta Italia sulla base della capacità degli studenti di trovare lavoro una volta ottenuto il diploma. Per aiutare quanti sono alle prese con la scelta della scuola superiore, la Fondazione Agnelli ha infatti messo a punto nel 2014 il portale Eduscopio che ogni anno viene aggiornato con nuovi dati. Il progetto dal 2017 prende in considerazione dall’anno scorso anche gli istituti tecnici e professionali, col fine di capire quali sono le migliori scuole per trovare lavoro.

Il Guglielmo Marconi di Lugo al 1° posto, Itip Bucci Faenza si conferma seconda tra le migliori scuole

Dopo aver analizzato in un precedente articolo le migliori scuole della provincia di Ravenna in quanto preparazione che forniscono agli studenti per affrontare il mondo universitario, in questo secondo articolo sarà presa in considerazione la “top 10” delle migliori scuole per trovare lavoro. La medaglia d’oro in questa classifica va, come per l’anno precedente, al Guglielmo Marconi di Lugo, seguito a ruota dall’Itip Bucci di Faenza. Terzo posto sempre per Lugo, con l’Eustacchio Manfredi. Per trovare Ravenna nella top 10 bisogna scorrere sino alla quarta posizione con il Nullo Baldini. Al quinto posto il Tonino Guerra di Cervia, mentre al sesto posto troviamo l’unica scuola non statale della top ten: il Sacro Cuore di Lugo. Nella top 10 delle migliori scuole di Ravenna per trovare lavoro, Faenza viene rappresentata anche dal decimo posto dell’Alfredo Oriani che scende di due posizioni rispetto al 2016.

La top 10 delle migliori scuole di Ravenna per trovare lavoro
La “top 10” delle migliori scuole della provincia di Ravenna in quanto capacità di far trovare lavoro agli studenti una volta ottenuto il diploma. Elaborazione Buon Senso Faenza su dati Eduscopio 2017.

La metodologia Eduscopio per valutare le migliori scuole per trovare lavoro

Per valutare le migliori scuole per trovare lavoro, Eduscopio si basa su due fonti principali dei dati. La prima è l’Anagrafe Nazionale degli Studenti (Ans) del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, dalla quale vengono tratte le informazioni sugli studenti che hanno conseguito un diploma in una scuola ad indirizzo tecnico o professionale (statale o paritaria). In particolare, dall’Ans, si sono attinti dati relativi al percorso scolastico degli studenti e i dati anagrafici basilari. La seconda fonte principale di informazione è rappresentata dai dati delle Comunicazioni Obbligatorie (Cob) del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, le quali descrivono per ogni lavoratore dipendente i principali eventi che ne caratterizzano la carriera lavorativa.

Le Cob sono state introdotte nel nostro ordinamento dal 2008 che impone l’obbligo per i datori di lavoro di comunicare gli eventi relativi ad assunzioni, cessazioni, proroghe e trasformazioni di contratti di lavoro dei loro dipendenti. Tali comunicazioni vengono inviate in formato telematico a un ufficio regionale. Gli eventi riportati nelle Cob per ogni diplomato considerato vengono ricondotti ai relativi rapporti di lavoro e questi ultimi vengono legati tra loro in un percorso di carriera. Per ogni singolo rapporto si è dunque in grado di conoscere la data di inzio, la modalità di lavoro e il tipo di contratto.

Una volta ricostruite le carriere e calcolati gli indicatori per ogni singolo diplomato si possono ricondurre gli esiti lavorativi di questi alle scuole presso le quali hanno conseguito il diploma. La capacità di una scuola di preparare bene per l’ingresso nel mondo del lavoro sarà rivelata per ciascun indicatore dalla media delle performance dei suoi studenti nei tre anni considerati. Tenere conto di tre anni successivi fa sì che le scuole vengano valutate per la capacità educativa espressa da un numero maggiore di consigli di classe (insegnanti). La misura sarà dunque più realistica poiché meno dipendente dalle particolarità di una singola “annata” di diplomati e/o di un piccolo gruppo di docenti.

Altre classifiche Eduscopio 2017

Le migliori scuole della provincia di Ravenna in prospettiva universitaria

Rispondi