Tempi di Recupero 2020: edizione ‘home’ per i protagonisti della ristorazione

Un evento rivolto a chiunque faccia parte del mondo della ristorazione, ma anche coloro che sono legati alla sfera della cultura, dello spettacolo, della musica e del turismo e che stanno vivendo un momento difficile a causa delle misure di contrasto alla pandemia Covid-19. E’ pronta al via Tempi di Recupero Week Home Edition che si terrà dal 25 aprile al 3 maggio 2020: l’obiettivo è raccogliere le impressioni e le idee di coloro che lavorano nei settori che maggiormente sono e saranno colpiti dalle conseguenze della pandemia.

Come partecipare alla Tempi di Recupero Week Home Edition

I partecipanti sono invitati a girare un breve video che racchiuda i due temi protagonisti: il recupero e il bello. Tutti prepareranno una ricetta del recupero del cibo (tradizione, quinto quarto di carni, pesci o vegetali, avanzi) e racconteranno una storia accaduta durante questo periodo – a loro, ai loro cari, amici, parenti, vicini, sconosciuti – che li ha colpiti positivamente. A coloro che non sono ristoratori, ma sono legati alla sfera della cultura, chiediamo, inoltre, di dare un consiglio o una breve riflessione su come “recuperare” il loro settore alla ripartenza dalla crisi.

Che cos’è Tempi di Recupero?

Nel 2013 a Faenza, presso L’Osteria della Sghisa, prende il via il progetto Tempi di Recupero, ideato da Carlo Catani. Più di 40 tra chef stellati, osti e azdore (figura mitica romagnola, la regina del focolare domestico) si sono succeduti ai fornelli per proporre ricette a base di quinto quarto, ricette del giorno dopo o per riportare in luce antiche ricette dimenticate e materie prime apparentemente meno nobili e meno conosciute. Dopo sette anni di iniziative, cene ed eventi a tema recupero – più di 80 fino ad ora -, e la pubblicazione del libro: “Tempi di recupero. Scarti, avanzi e tradizione nelle cucine dei grandi chef” (Quinto Quarto Edizioni) nel 2018, si è deciso di celebrare il recupero in cucina lanciando la Tempi di Recupero Week, cioè una settimana internazionale che dia voce a coloro che hanno a cuore la sostenibilità e l’eticità in cucina.

Tempi di Recupero nasce con il proposito di sensibilizzare il pubblico nei confronti della sostenibilità in ambito alimentare e di come, attraverso le buone pratiche domestiche, il cibo possa essere utilizzato in maniera proficua per le tasche, l’ambiente e, soprattutto, per il gusto. «Nel 2020 Tempi di Recupero è recentemente divenuta un’associazione culturale – spiegano i promotori – e questo ci ha fatto riflettere con maggiore impegno sulla funzione e l’impatto che vogliamo avere. Oggi più che mai siamo tutti chiamati a riprogettare il nostro futuro, a rivedere i ruoli culturali, sociali ed economici e a riflettere su quale sia il mondo che vogliamo (ri)costruire».

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.