Il Rotary dona alla Pediatria di Faenza una telecamera a infrarossi per diagnosticare l’epilessia

Si è svolta mercoledì 29 gennaio 2020 alla Pediatria di Faenza, la cerimonia di donazione effettuata dal Rotary Club locale di una telecamera a infrarossi e di un saturimetro per l’esecuzione delle registrazioni video-elettroencefalografiche (video eeg) nel sonno. La “video eeg” poligrafia è una tecnica che permette di registrare con una telecamera connessa all’elettroencefalografo i movimenti del paziente i parametri cardiaci e respiratori sincroni con la registrazione della sua attività elettrica cerebrale. La registrazione video a infrarossi del sonno permette di definire i diversi tipi di epilessia, di selezionare i pazienti per una terapia medica o chirurgica della epilessia, di distinguere gli eventi “normali” del sonno dai fenomeni non epilettici di tipo respiratorio, fornendo delle informazioni specifiche sull’integrità e lo sviluppo del Sistema nervoso centrale.

La donazione del Rotary Club Faenza

L’esame viene eseguito alla presenza di un genitore, ed è in grado di rilevare molteplici valori quali il flusso respiratorio, i livelli di ossigeno nel sangue, la posizione assunta durante il sonno, l’attività del sistema nervoso centrale, il movimento delle gambe e degli occhi ed è eseguito generalmente durante il pisolino pomeridiano dopo una parziale privazione di sonno la notte precedente che permette di evocare eventuali anomalie della attività elettrica cerebrale non evidenti in una registrazione eseguita in veglia.

Il servizio di alta specialità in diagnostica epilettologica pediatrica di Faenza-Lugo e Ravenna, di cui è responsabile il dottor Paolo Ricciardelli, si avvale per l’esecuzione di questo importante esame diagnostico della stretta collaborazione dei referenti e dei tecnici di Neurofisiopatologia della Unità operativa di Neurologia, diretta dal dottor Pietro Querzani. Il Servizio fa parte della Rete Regionale per la diagnosi e cura dell’epilessia e svolge le sue attività attraverso prestazione ambulatoriali e la gestione del percorso di degenza tramite l’Osservazione Breve Intensiva, il Day Hospital e il Day Service.

In provincia di Ravenna 240 bambini affetti da epilessia

Attualmente il servizio segue circa 240 bambini affetti da epilessia residenti su tutto il territorio della Provincia di Ravenna. Su circa 40mila bambini di età compresa tra 0 e 14 anni, si stima che ogni anno possano essere riscontrati 20-30 nuovi casi di epilessia. Generalmente i casi sospetti vengono inviati all’Unità operativa di Pediatria dal pediatra di libera scelta o dal Pronto Soccorso, nell’ambito di un percorso di presa in carico globale del bambino con questa tipologia di problematiche. Si ritiene che nel nostro territorio un centinaio di bambini all’anno potrebbero necessitare dell’esame videopolisonnografico. Grazie alla donazione tali attività sono pienamente operative a favore dei bambini (0-14 anni) provenienti dall’ intera provincia di Ravenna.

Uno strumento utile per diagnosticare patologie del Sistema nervoso centrale

Alla cerimonia erano presenti il presidente, avvocato Gian Luca Altini e alcuni soci del Rotary Club di Faenza, il dottor Paolo Ricciardelli, il direttore dell’Unità Operativa di Pediatria, dottor Federico Marchetti e il direttore del Presidio Ospedaliero di Faenza, dottor Davide Tellarini. «L’importante donazione di una apparecchiatura così innovativa – hanno sottolineato il dottor Ricciardelli, il dottor Marchetti e il dottor Querzani – rappresenta un passo avanti rilevante che consentirà l’esecuzione presso il presidio ospedaliero di Faenza di esami polisonnografici utili per poter diagnosticare, nei bambini e adolescenti, alcune patologie del Sistema nervoso centrale ed in particolare le epilessie e le apnee di tipo centrale epilettiche e non epilettiche». Un sentito grazie al Rotary Club di Faenza è stato espresso anche dal dottor Tellarini a nome della Direzione della Ausl della Romagna.

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.