Sindaci e amministratori in escursione al Parco della Vena del Gesso

Amministrare un territorio implica ovviamente avere opportuna conoscenza dello stesso, ed è per questo che è stata organizzata una prima escursione conoscitiva rivolta ai sindaci e agli amministratori dei sei Comuni della Comunità del Parco Regionale della Vena del Gesso Romagnola. Merito di una sinergia tra il Parco Regionale e i Comuni coinvolti, di un’efficace rete di rapporti e collaborazioni con diverse realtà come la Federazione Speleologica Regione Emilia-Romagna e l’Unimore per citarne alcune, di una metodologia efficace e di tanto entusiasmo.

L’iniziativa si è svolta a Tossignano

Obiettivo del Parco è diffondere conoscenza e consapevolezza, per questo è importante organizzare momenti di questo tipo per vedere, sentire, entrare in simbiosi con il territorio, per viverlo, amarlo, proporlo e valorizzarlo con cura e rispetto. Come afferma Marina Lo Conte, presidente della Comunità del Parco della Vena del Gesso Romagnola: «Abbiamo pensato a un percorso conoscitivo rivolto ai sindaci e agli amministratori dei territori dei sei Comuni del Parco della Vena del Gesso Romagnola per sensibilizzare promuovere, dare il giusto valore gli aspetti geologici, carsici, naturalistici, storici-culturali e agro-ambientali di questa area protetta, aumentando la responsabilità, l’importanza e il senso di appartenenza a questo Parco». L’iniziativa, che ha tutte le premesse per essere la prima di una serie di escursioni, si è svolta a Tossignano, luogo di grande impatto geologico dove è possibile ammirare una buona parte della Vena del Gesso.

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.