La vice questore Silvia Gentilini saluta i faentini: dal 23 agosto sarà alla Questura di Parma

E’ stata diffusa mercoledì 21 agosto 2019 una lettera di ringraziamento alla comunità faentina a firma del vice questore della Polizia di Stato, Silvia Gentilini, a seguito di un incontro con il sindaco di Faenza, Giovanni Malpezzi, organizzato per ringraziarla e augurarle una proficua e duratura carriera dopo i sette anni di servizio presso il Commissariato di Pubblica Sicurezza di Faenza. Dal prossimo 23 agosto Silvia Gentilini, sarà infatti trasferita alla Questura di Parma, dove svolgerà l’importante e prestigioso incarico di Dirigente della Divisione Anticrimine.

A partire dal 26 agosto la dirigente verrà sostituita dal commissario capo Antonio Demurtas.  Originario di Ravenna, Demurtas ha operato per alcuni anni all’ufficio prevenzione sicurezza pubblica della questura di Venezia e nel 2015 è stato nominato capo commissario a Chioggia.

La lettera del vice questore Silvia Gentilini alla comunità faentina

Carissimo sindaco,
con la presente sono a comunicare che dal 23 agosto sarò trasferita alla Questura di Parma, dove svolgerò l’importante e prestigioso incarico di Dirigente la Divisione Anticrimine. Sono naturalmente molto soddisfatta per il successo professionale ottenuto e, allo stesso modo, consapevole che tale risultato è il frutto di un percorso impegnativo,complesso e articolato trascorso, per quasi un settennato – quale Dirigente del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Faenza.

Desidero innanzi tutto ringraziarti per il supporto e la costante collaborazione/interazione che ha contraddistinto questo mio periodo di dirigenza del Commissariato Manfredo, collaborazione che ha incorniciato un’esperienza unica e irripetibile per arricchimento professionale e personale e anche per i significativi risultati ottenuti, sia in termini di attività preventiva che di attività repressiva. Risultati che mi hanno consentito ora di ottenere questo significativo passaggio professionale, che è stato possibile grazie a un dialogo quotidiano e costante tra le istituzioni del territorio e tutti coloro che, a diverso titolo, contribuiscono a creare ed implementare il dispositivo di sicurezza del territorio.

I miei ringraziamenti si estendono a tutti i faentini, persone oneste e collaborative, che hanno subito colto l’invito da me lanciato nel corso di diversi incontri pubblici organizzati sul territorio, di collaborare con le istituzioni, dimostrando un profondo senso dello Stato e la consapevolezza di sentirsi una parte importante e attiva della sicurezza della loro città. A loro va il mio più grande ringraziamento, insieme alla certezza che, insieme alla vostra splendida ed elegante città d’arte e di cultura, non vi dimenticherò mai.

Con Faenza nel cuore inizierò con entusiasmo il mio nuovo percorso professionale a Parma, convinta e consapevole che questi sette anni in terra manfreda mi hanno resa una poliziotta migliore e, soprattutto, una persona migliore.

Un carissimo saluto al primo cittadino e a tutti i faentini, una comunità della quale ora – concedetemelo – sento ormai di fare parte.

Vice Questore della Polizia di Stato
D.ssa Silvia Gentilini

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.