Servizio civile nell’Unione faentina: 26 posti tra biblioteche, musei e sostegno ai più deboli

Dedicare un anno della propria vita a far sì che i giovani vedano la biblioteca come uno spazio nel quale crescere. Oppure presentare ai visitatori le bellezze della Rocca di Riolo Terme o del Museo del Risorgimento di Faenza. O ancora, dare sostegno ai coetanei più giovani durante le attività di studio. Infine dare il proprio contributo nel superare la violenza contro le donne. Sono queste le attività proposte dall’Unione della Romagna faentina nell’ambito del Servizio civile nazionale.  In totale sono 26 i posti disponibili, ai quali si potrà partecipare tramite bando entro il 30 giugno 2016. Oltre a queste proposte di servizio se ne aggiungono altre che riguardano la realtà associative del nostro territorio, tra di esse cercano per esempio volontari la Caritas, Mani Tese e tante altre associazioni. Nelle prossime settimane verranno realizzati incontri che presenteranno nel dettaglio i singoli progetti. In totale in Emilia-Romagna sono 958 i posti disponibili per i ragazzi dai 18 ai 28 anni.

Servizio civile: i 5 progetti dell’Unione della Romagna faentina

In totale sono cinque progetti riguardano il territorio dell’Unione della Romagna Faentina. Di questi, sono quattro i posti disponibili alle biblioteche di Faenza, Castel Bolognese e Casola Valsenio per il progetto: ” Scommettiamo su ti te… in tre! Per una biblioteca a misura di adolescente nell’Unione della Romagna Faentina“, volto a far avvicinare la biblioteca a una fascia d’età che sembra particolarmente distante dal piacere della lettura. Il Comune di Riolo Terme e Solarolo presenta invece il progetto “L’eco della cultura dalla collina pianura” che si svolgerà alla Rocca di Riolo e che metterà i volontari a contatto con scolaresche e turisti: anche in questo caso sono quattro i posti disponibili.

Dodici i posti per il progetto: “The way to be“, presentato da Centro per le famiglie, Centro di Solidarietà e associazioni San Giuseppe e Santa Rita. Obiettivo del progetto: aiutare giovani e ragazzi in difficoltà a superare il loro disagio tramite laboratori e attività di studio. Tre invece sono i volontari che il Comune di Faenza ricerca per “Musei in rete per la valorizzazione storico-artistica del territorio del Comune di Faenza“, volto a valorizzare alcune realtà museali del nostro territorio come il Museo del Risorgimento. Lo stesso Comune cerca ancora tre volontari per il progetto Servizio Fe.n.ice.: “Insieme oltre la violenza” che andrà in soccorso alle donne vittima di violenza o alle giovani madri in difficoltà.

Il termine ultimo per presentare le domande sono ore 14 del 20 aprile 2016, data di scadenza del bando.

2 pensieri riguardo “Servizio civile nell’Unione faentina: 26 posti tra biblioteche, musei e sostegno ai più deboli

Rispondi