Scuole chiuse in tutta Italia fino al 15 marzo

Dopo annunci, smentite e fughe di notizie, è arrivata l’ufficialità del Governo: scuole e Atenei di tutta Italia resteranno chiusi fino al 15 marzo 2020 per contrastare la diffusione del Coronavirus. La decisione, in via precauzionale, è stata annunciata dal ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina, e prenderà il via con un decreto in vigore da oggi, mercoledì 4 marzo 2020, e che sarà firmato in serata dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Viene così rispettato il parere del comitato tecnico-scientifico che già da ieri aveva indicato la chiusura necessaria di scuole e atenei per contenere il propagarsi del virus; la ministra si è poi assicurata che l’attività didattica continuerà anche a distanza e il Governo sta valutando possibili soluzioni per consentire ad almeno un genitore di poter stare a casa con i figli.

Come riporta il decreto: «sono sospesi i servizi educativi per l’infanzia (…) e le attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado, nonché la frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, comprese le Università e le Istituzioni di Alta Formazione Artistica Musicale e Coreutica, di corsi professionali, master e università per anziani, ferma in ogni caso la possibilità di svolgimento di attività formative a distanza». Le scuole dunque sospenderanno le attività didattiche, ma dovrebbero restare aperte per il personale Ata.

Con queste nuove disposizioni, saliranno dunque a tre le settimane di chiusura negli istituti di Faenza e della Regione Emilia-Romagna; le attività didattiche nelle aule scolastiche, infatti, sono ferme da lunedì 24 febbraio scorso. Anche all’Itip Bucci di Faenza, l’emergenza covid-19 non è riuscita a fermare la didattica; nell’istituto di via Nuova infatti si stanno sperimentando nuove metodologia di didattica, con gli alunni collegati tramite computer a seguire lezione virtuali.

Coronavirus, i numeri in Emilia-Romagna al 4 marzo 2020

In Emilia-Romagna sono 544 le persone contagiate da Coronavirus, 124 in più rispetto all’aggiornamento di ieri pomeriggio, a fronte di 2.385 test refertati. Tutti presentano un quadro clinico non grave o addirittura asintomatico. Sono 234 i pazienti in cura a casa, dove rispettano l’isolamento previsto, e 26 quelli ricoverate in terapia intensiva (due in più rispetto a ieri).  I decessi sono saliti a 22 (più 4 a ieri).

124 contagiati in più, nessuno grave

Sale anche il numero delle persone “clinicamente guarite”, che non presentano cioè più alcuna manifestazione clinica dovuta al virus, 6 in tutto, ma anche quello dei pazienti ricoverati in terapia intensiva che diventano 26, due in più di ieri.
Finora, inoltre, sono state installate 14 strutture esterne nelle aree degli ospedali e prossimamente, anche nei sette Istituti penitenziari presenti in regione, finalizzate al triage per riscontrare eventuali contagi.

In dettaglio, a oggi i casi di positività (543) sono: 319 sono a Piacenza, 115 a Parma, 20 a Reggio Emilia, 41 a Modena, 12 a Bologna (di cui 1 nel circondario imolese), 33 a Rimini, 2 a Forlì-Cesena, 2 a Ravenna.

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.