Bottega Bertaccini: la presentazione del libro di Sandra Bellini sulla partigiana Iris Versari

Qualcuno lo ha definito “un libro necessario” perché racconta finalmente la storia della donna che di solito viene ricordata solo come “la compagna di Silvio Corbari“. Il libro di Sandra Bellini “Iris Versari. Una biografia partigiana” edito da Il Ponte Vecchio, racconta la storia di una donna nella Storia della guerra partigiana. Venerdì 10 giugno alle 21 alla Bottega Bertaccini l’autrice presenterà il libro in compagnia di Giuseppe Masetti, direttore dell’Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea della provincia di Ravenna, e della storica Laura Orlandini. L’evento è realizzato in collaborazione con ANPI Faenza e Associazione Ca’ di Malanca.

Iris Versari. Una biografia partigiana

Il libro ha il pregio di creare una narrazione emozionante, all’interno di una fedele e minuziosa ricostruzione storica. Con un lavoro straordinario di indagine sul territorio e negli archivi, Sandra Bellini libera la partigiana Iris dalla leggenda, restituendole il ruolo che le spetta nella Storia con la S maiuscola. L’autrice rilegge i racconti e le testimonianze dei sopravvissuti e ricompone i fatti riuscendo a restituirci la “vita civile” di Iris Versari e il mondo contadino romagnolo in cui affonda le sue radici. Scopriremo così le ragioni che la spinsero a partecipare attivamente alla lotta partigiana, a raccontarne le vicende all’interno della guerra di Liberazione intrecciandole, ovviamente, con quelle della banda Corbari al cui interno il suo operato si inserisce. In sintesi: a ridarle voce.

Letizia Di Deco

Classe 1998, vivo a Faenza. Mi sono laureata in Lettere Moderne e poi in Italianistica e Scienze linguistiche all’Università di Bologna. In attesa di tornare in classe da prof, mi piace fare domande a chi ha qualcosa di bello da raccontare su ciò che accade dentro e fuori le pareti della scuola. Ho sempre bisogno di un buon libro da leggere, di dire la mia opinione sulle cose, di un po' di tempo per una corsetta…e di un caffè

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.