Nuove rotonde in arrivo a Pieve Ponte e a Castel Bolognese all’incrocio con la provinciale Casolana

Nell’ultimo Consiglio dell’Unione della Romagna faentina è stato approvato l’accordo di programma con la Provincia di Ravenna per realizzare due rotatorie in altrettanti punti particolarmente delicati della via Emilia. La prima opera verrà costruita nel comune di Faenza, in località Pieve Ponte, all’incrocio con la provinciale lughese. Questa permetterà di eliminare il semaforo attualmente presente velocizzando i tempi di attesa e canalizzando i veicoli che si dovranno immettere dalla ‘lughese’ sulla Statale. La seconda invece verrà realizzata nel comune di Castel Bolognese, all’incrocio con la strada provinciale Casolana, a servizio del traffico da e per i comuni di Riolo Terme e Casola Valsenio. Nell’accordo approvato le due opere di viabilità, realizzato di concerto con i sindaci dell’Unione della Romagna faentina, sono state inserite nella programmazione dei lavori del triennio 2021-2023 e l’importo complessivo che la Provincia di Ravenna ha deciso di stanziare per entrambe le rotatorie è di 1,2 milioni di euro.

Accordo con la provincia di Ravenna, stanziati 1,2 mln di euro

Gli uffici tecnici del Settore Lavori Pubblici della Provincia in questo momento stanno redigendo gli studi di fattibilità ai quali seguiranno i progetti definitivi delle due opere. Secondo il cronoprogramma stilato, si partirà nel 2022 dalla rotatoria sulla Casolana che verrà realizzata entro l’anno, successivamente si lavorerà per quella di Pieve Ponte. “La realizzazione della rotatoria a Borgo dei Marziani – spiega il presidente dell’Unione della Romagna faentina, Massimo Isola – è una grande notizia nata dopo una lunga riflessione. È una infrastruttura necessaria in una zona con un grande traffico dove, soprattutto in estate, si creano lunghe code ancor di più quando l’A14 non riesce a supportare gli spostamenti dei vacanzieri che inevitabilmente poi si riversano sulla via Emilia. Proprio in questi giorni ho incontrato i residenti della zona dove sorgerà la rotatoria che tra le diverse questioni che mi avevano sottoposto c’era proprio quella del traffico e della sicurezza. Un ringraziamento deve andare alla Provincia di Ravenna che con questo intervento finanziario ha lanciato un forte segnale di attenzione al nostro territorio”.

“La rotatoria tra la via Emilia e la Casolana -dice invece Luca Della Godenza, sindaco di Castel Bolognese e assessore ai lavori pubblici dell’Unione della Romagna faentina – è un’opera strategica a supporto della vallata del Senio, quindi per tutto quel traffico, non solo costituito da auto ma anche commerciale e di mezzi pesanti, che ogni giorno attraversano quell’incrocio. C’è grande soddisfazione per essere arrivati a questo risultato e adesso procederemo per arrivare spediti alla realizzazione delle opere”.

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.