Pubblica Assistenza Faenza: donazione di generi alimentari a Sos Donna e Caritas

Consegna spesa e farmaci, distribuzione di scatole alimentari alle famiglie bisognose, sanificazione dei mezzi di trasporto: la Pubblica Assistenza Città di Faenza è rimasta operativa durante questa fase di emergenza sanitaria continuando a garantire i servizi essenziali di trasporto sanitario e accompagnamento. Si è fatto in modo che i propri volontari e assistiti potessero agire in tutta sicurezza con l’impiego giornaliero di Dpi e di tutti i presidi tali da garantire l’igiene e la sanificazione dei nostri mezzi e ambienti comuni. Insieme alla continuità dei servizi sono stati garantiti servizi alla comunità quali la consegna di spesa e farmaci per le categorie impossibilitate a uscire di casa, anziani o persone in difficoltà, l’effettuazione di commissioni o consegna di cambi d’abito per i degenti ospedalieri, la collaborazione costante con il Rione Rosso, Rione Giallo e Rione Bianco Borgo Durbecco per il sostegno in questa fase così delicata. Attivato anche servizio di consegna e ritiro libri per conto della Biblioteca Manfrediana e la consegna di mascherine chirurgiche a domicilio per conto del Comune di Faenza alle fasce deboli, over 65 che non possono uscire di casa o persone in isolamento o quarantena, sempre che ne venga fatta richiesta tramite i canali ufficiali dell’uro (tel. 0546/691444).

Dalla Deco Industrie, ricevute 240 scatole alimentari donate a Sos Donna e Caritas

«Ma non ci siamo fermati – proseguono dall’associazione – La nostra attività ha sensibilizzato varie realtà imprenditoriali del territorio e ultima in ordine temporale ma non di importanza è stata Deco Industrie di Bagnacavallo che ci ha donato più di 240 scatole di vari prodotti alimentari per un totale di circa 3.600 confezioni – Abbiamo sentito subito la necessità di poter devolvere questa donazione alle realtà faentine che si occupano in prima linea di assistenza alla categorie più fragili e che più possono risentire di questa emergenza. Pertanto l’associazione ha deciso di dividere equamente gli alimenti ricevuti tra due realtà molto impegnate: circa 1.800 confezioni sono state donate a Sos Donna e ritirate direttamente dalla presidente della sezione di Faenza e 1.800 confezioni donate alla Caritas diocesana di Faenza quale canale ufficiale del Comune di Faenza per l’assistenza alle famiglie in difficoltà».

«E’ stato molto importante poter contribuire anche in questo modo al sostegno della cittadinanza – prosegue la Pubblica Assistenza – Ma non ci fermiamo, le nostre attività continuano e continua il nostro supporto costante e discreto. Per poter supportare l’associazione e aiutarci nel proseguimento del nostro operato sono state attivate alcune iniziative di raccolta fondi».

Come sostenere la Pubblica Assistenza

E’ possibile sostenere l’associazione tramite bonifico bancario: IT 65 M 08542 23705 011000244534; EROGAZIONE LIBERALE PER ACQUISTO DPI EMERGENZA CORONA VIRUS AI SENSI ART. 66 DECRETO LEGGE 17/03/2020; oppure tramite la piattaforma Gofundme https://www.gofundme.com/f/noicisiamo-covid19-continuiamo-in-sicurezza o ancora tramite la piattaforma Satispay https://tag.satispay.com/pafaenzaodv

Per informazioni e contatti Tel. 0546/621162 – 3287712498 – pafaenza@gmail.com

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.