Il nuovo Pronto Soccorso di Faenza operativo dal 17 dicembre

Sarà operativo da martedì 17 dicembre 2019 il nuovo Pronto Soccorso dell’Ospedale di Faenza. I locali diventano infatti operativi dopo poche settimane dalla inaugurazione dello scorso 9 novembre, al termine del completamento di alcuni ultimi aspetti organizzativi e, conseguentemente, entreranno in funzione i nuovi percorsi di accesso sia per quanto riguarda il traffico pedonale, sia per quanto riguarda i mezzi di soccorso, che accederanno dalla camera calda attraverso una corsia dedicata. Naturalmente sul posto è stata collocata una apposita e dedicata segnaletica per agevolare gli utenti. Fino al momento della completa operatività poche settimane dopo l’inaugurazione, gli spazi esterni al pronto soccorso sono stati mantenuti transennati e protetti per evitare accessi di soggetti non autorizzati e per non indurre confusione nell’utenza.

I lavori hanno riguardato quasi 3mila mq

Come si ricorderà, i lavori per il nuovo Pronto Soccorso hanno riguardato complessivi 2.962 metri quadri coperti (1.332 costruiti ex novo e 1.630 ristrutturati) e 7.780 metri quadri si spazi esterni (3.380 di nuova viabilità e 4mila di manutenzione straordinaria viabilità, parcheggi e altre aree esterne). Il reparto dispone di 17 medici più il primario, 37 infermieri e 19 oss più 2 coordinatori infermieristici. L’equipe medica, stabile nel tempo, è composta di professionisti con elevata esperienza professionale in particolare nella gestione del paziente critico; l’equipe infermieristica si contraddistingue per essere giovane e motivata.

Prevista un’area separata per i bambini

Il nuovo Pronto Soccorso presenta una nuova sala d’aspetto più ampia e luminosa per pazienti che accedono autonomamente deambulanti, di più facile controllo e visione da parte del personale del triage. E’ stata prevista una parte separata dedicata ai bambini e per i loro accompagnatori Ampia comoda e luminosa zona retro triage dedicata all’attesa dei pazienti barellati che accedono in ambulanza dalla camera calda; area di ristoro nella sala d’attesa.

In tutto sono presenti sei ambulatori comunicanti (shock room per codici rossi a maggior gravità più cinque ambulatori comunicanti) attrezzati per gestire i pazienti ad alta/media complessità monitor/defibrillatori/ elettrocardiografo, aspiratore ossigeno ecografo. Comprende inoltre una sala radiologica con una nuova attrezzatura digitale diretta, che permette in stretta prossimità con gli ambulatori, la shock room e la camera calda, di effettuare tutta la radiologia standard in sicurezza senza spostare il paziente e con un risparmio di dose del 30%.

Saranno potenziati i percorsi fast track ed i percorsi già in essere dedicati a particolari problematiche (violenza di genere, paziente fragile, paziente psichiatrico) con separazione dei flussi dei pazienti, maggior chiarezza nel percorso e riservatezza. La zona di visita e di osservazione sarà separata dalla zona sala di attesa permettendo una maggior riservatezza e tranquillità ai pazienti e miglior qualità del lavoro per gli operatori. Saranno migliorati anche i percorsi verso i reparti di degenza nell’ottica delle indicazioni della Delibera regionale 2019 sull’accesso in emergenza. Sarà potenziato il personale in particolare nella fascia notturna.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.