Sabato 12 settembre la presentazione del “Progetto Palio” da parte di rioni e coop. Manfredi

Il 2020 rimarrà nella memoria come l’anno in cui non si sono potute svolgere le manifestazioni di giugno del Niballo Palio di Faenza a causa dell’emergenza sanitaria, ma i rioni non vogliono mandare in archivio i primi vent’anni del ventunesimo secolo senza lasciare una traccia. Dopo avere condiviso idee e speranze assieme alla Cooperativa dei Manfredi, hanno elaborato un progetto complessivo riguardante i luoghi delle attività che hanno in comune: il Centro Civico Rioni, dove si trovano le scuderie e le piste d’allenamento, e lo stadio “Bruno Neri”, teatro delle giostre cavalleresche del “Palio del Niballo” e della “Bigorda d’Oro”. Il progetto complessivo, ideato dai dirigenti dei cinque Rioni e della Cooperativa dei Manfredi, verrà presentato ai faentini sabato 12 settembre alle 18 in piazza Nenni (già piazza Molinella) attrezzata con un palco e per accogliere decine di persone tutte sedute nel rispetto delle norme anticontagio.

Focus sul Centro civico Rioni e lo stadio Bruno Neri

Nel “Progetto Palio” sono compresi interventi strutturali al Centro Civico Rioni, le cui attività prevalenti continueranno ad essere inerenti al cavallo e al “sistema Palio”, ma con un’estensione del raggio d’azione al rapporto tra l’uomo e l’animale da affezione, seguendo l’esempio di un’attività di addestramento cani che già si sta sperimentando con risultati incoraggianti. Per lo stadio “Bruno Neri” l’intento di fondo è farvi ospitare un maggiore numero di eventi, oltre agli incontri di calcio ed alle due giostre cavalleresche: con più eventi si efficienterebbe la gestione con un incremento dell’ammortamento dei costi fissi. La presentazione del “Progetto Palio”, in programma sabato prossimo 12 settembre alle 18 in Piazza Pietro Nenni, è a ingresso libero e aperto a tutti.

Si chiede un confronto con la futura Amministrazione comunale

«Il giorno non è stato scelto casualmente – affermano i promotori -: Faenza sarà chiamata tra pochi giorni alle elezioni amministrative per il rinnovo del sindaco e del consiglio comunale, che sono i primi interlocutori del mondo dei rioni, poiché le rispettive sedi, il Centro Civico Rioni e lo stadio “Bruno Neri” sono di proprietà comunale e la coincidenza con l’avvio del triennio dei direttivi nei Rioni e nella Cooperativa dei Manfredi fa sì che ci sia un arco di tempo sufficientemente lungo per portare a compimento alcune parti del “Progetto Palio”».

«Considerato il forte interessamento di alcuni candidati sindaco alle problematiche del mondo rionale – continuano gli organizzatori – Borgo Durbecco, Rione Giallo, Rione Nero, Rione Rosso, Rione Verde e Cooperativa dei Manfredi auspicano che già, entro le prime settimane della legislatura 2020-2025 , possa avere inizio un confronto con l’Amministrazione comunale, la quale è guidata da un sindaco che è comunque il magistrato dei Rioni».

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.