Inaugurazione della mostra “Plasmando la superficie” al Fontanone il 24 agosto

Inaugura mercoledì 24 agosto alle 19.30 presso il Fontanone di Faenza “Plasmando la superficie”. Sarà l’ultima delle mostre proposte dal progetto ‘’Una prospettiva estiva per il Fontanone’’ a cura dell’Associazione Culturale Fatti d’Arte. Sono state presentate tre mostre che hanno affrontato temi del contemporaneo come tabù femminili, le solitudini
dell’uomo moderno, la maschera come superficie esistenziale.

Le mostre del Fontanone

Ogni esposizione è stata accompagnata da veri e propri happening scanditi da appuntamenti musicali e talk con gli artisti
e guidati da tre figure di riferimento dell’arte contemporanea: Viola Emaldi, Gioele Melandri e Matteo Zauli. Tutti gli eventi sono stati inseriti nei momenti salienti dell’estate faentina, che ha visto la riapertura dell’Arena Borghesi e il ritorno di Argillà 2022. La mostra Plasmando la superficie vede protagonisti 3 artisti, che si sono immersi nella tematica
lasciandosi ispirare dallo spazio e sfidandolo al tempo stesso, come l’installazione ceramica di Alessandro Placci che prenderà vita il primo settembre in occasione della preview di Argillà attraverso la sonorizzazione del musicista Lorenzo Travaglini. Espongono: Lorenzo Scarpellini, Alessandro Placci, Filippo Maestroni. La curatela è di Filippo Maestroni. Direzione Artistica Veronica Bassani ‘’Plasmare, educare la materia, in un continuo scontro demiurgico, brutale e affettuoso, l’esperienza di un sedimentarsi di superfici come gli strati della crosta terreste. Tre ricerche che si sviluppano per accumulo, aggiungendo velature, terre e carta macerata. Il filo conduttore che lega
il lavoro di Alessandro Placci, Filippo Maestroni e Lorenzo Scarpellini, è l’approccio diretto alla materia che diviene ruvida, ma allo stesso tempo leggera. Corpi e stratificazioni in continuo divenire, primitive barriere, gusci, anfore, contenenti qualcosa di celato o appena visibile, nel dialogo di un contemporaneo, dove la “maschera” o la “persona” crea identità di superfici espresse unicamente attraverso l’esteriore, spesso ipocrite e senza viscerali fondamenta. Vivi
fantasmi impenetrabili, scocche sgargianti di auto senza un motore, mura personali innalzate a difesa di un mondo di difficile comprensione. Nelle opere presenti si rivede una critica: quella in cui lo sguardo verso l’altro è come un’improbabile assedio volto a fortezze arcaiche, le cui mura sono antiche come il tempo, ma che alla fine rispecchiano sempre e comunque quello che siamo: normalissimi esseri umani.’’

Il programma della mostra

Plasmando la superficie sarà visitabile fino al 8 settembre 2022, i giovedì sera durante gli eventi che avranno luogo al Fontanone:
● Giovedì 25 agosto serata di Poesie a cura di Rantoli
● Giovedì 1 settembre installazione sonora a cura di Lorenzo Travaglini e Alessandro Placci
● Giovedì 8 settembre finissage, talk con gli artisti e Matteo Zauli accompagnamento musicale a cura di Tiziano Negrello. 

Nel weekend di Argillà dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 16 alle 19.30 o apertura fuori orario previa prenotazione alla mail infofattidarteassociazione@gmail.com

Mercoledì 25 agosto “Fiori di velluto”

IL 25 l’inaugurazione con l’accompagnamento musicale ‘’Fiori di Velluto’’ composto da Francesco Cimatti e Noemi Valzano. Francesco Cimatti da più di dieci anni porta avanti l’attività di musicista dal vivo e in studio insieme a musicisti ed artisti di varia estrazione musicale e in formazioni molto varie spaziando tra il folk, il jazz, il pop e la musica d’autore sia in progetti editi che inediti. Noemi Valzano nata nel 1986, da bambina studia pianoforte ma presto se ne allontana perché si appassiona al canto, a cui si dedica per anni in maniera viscerale ma da autodidatta. Ama il folk americano, il blues, il soul, le grandi voci femminili del passato. Ma nelle sue corde riecheggia sempre la sua terra natia, la Puglia, la cui musica tradizionale è preponderante nella sua vita. Fra gli animatori della manifestazione ci sarà anche Condens , l’associazione che ha curato la scorsa estate le degustazioni di vino didattiche al Museo Carlo Zauli. Anche al Fontanone sarà possibile assaporare vini del territorio in occasione dei tre giovedì sera.

L’associazione Fatti d’Arte

Fatti d’Arte è un’associazione culturale attiva dal 2015 sul territorio faentino e non: nata con il teatro, si è nel tempo aperta ad altre arti come la pittura, la sartoria e la fotografia. La sua mission è promuovere la diffusione culturale sotto molteplici forme e riflettere attraverso l’arte su tematiche rilevanti. Da giugno 2022 ha dato vita al progetto Una prospettiva estiva per il Fontanone.

Info e contatti

infofattidarteassociazione@gmail.com Facebook: Fatti d’Arte, / Instagram: fatti_darte

Letizia Di Deco

Classe 1998, vivo a Faenza. Mi sono laureata in Lettere Moderne e poi in Italianistica e Scienze linguistiche all’Università di Bologna. In attesa di tornare in classe da prof, mi piace fare domande a chi ha qualcosa di bello da raccontare su ciò che accade dentro e fuori le pareti della scuola. Ho sempre bisogno di un buon libro da leggere, di dire la mia opinione sulle cose, di un po' di tempo per una corsetta…e di un caffè

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.