Patrimonio Unesco: anche i gessi emiliano-romagnoli tra i candidati italiani

Il primo passo è andato a buon fine. La candidatura – proposta dalla Regione Emilia-Romagna e fortemente sostenuta dal ministero dell’Ambiente – delle aree carsiche gessose emiliano-romagnole all’elenco italiano dei siti naturalistici per il Patrimonio mondiale dell’Unesco, fa un nuovo passo avanti. La Commissione nazionale italiana Unesco ha deciso infatti di inserire il sito “Grotte e carsismo evaporitico dell’Emilia-Romagna” nella “tentative list” (la lista che racchiude i siti selezionati dagli Stati proponenti e ritenuti di eccezionale valore universale, adatti al successivo inserimento nella “World Heritage List” dell’Unesco).

Unesco Italia ha approvato la proposta, ora si prosegue nella stesura della documentazione

Il sito, costituito da varie aree carsiche gessose che si estendono dall’Appennino reggiano fino al faentino, rappresenta un patrimonio tra i più significativi a livello mondiale per sviluppo e profondità delle grotte. Oltre ad essere quasi nella totalità già oggetto di tutela, le aree carsiche gessose sono le più studiate al mondo già a partire dal XVII secolo con i lavori del naturalista bolognese Ulisse Aldrovandi, e rappresentano una assoluta eccellenza del territorio per valenza scientifica, paesaggistica, naturalistica e culturale. «Come Federazione  – afferma Massimo Ercolani, presidente della Federazione speleologica regionale – esprimiamo grande soddisfazione per questo primo risultato. Ora siamo impegnati a completare la documentazione necessaria affinché la Commissione Italiana per l’Unesco proponga la candidatura al Centro del Patrimonio Mondiale. L’auspicio è che tale candidatura sia sostenuta da tutti coloro che hanno a cuore questo straordinario ambiente naturale».

Enti, istituzioni e associazioni unite per valorizzare i fenomeni carsici dell’Emilia-Romagna

L’inserimento delle aree carsiche gessose emiliano-romagnole nella lista italiana rappresenta il frutto del lavoro di coordinamento di Università di Bologna e Modena e Reggio Emilia, Enti di gestione per i parchi e la biodiversità, Parco nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano, Soprintendenza archeologica, enti locali, realtà territoriali e associazioni, svolto dalla Regione Emilia-Romagna a seguito della condivisione della proposta della Federazione speleologica dell’Emilia-Romagna, nella convinzione della straordinaria ricchezza di opportunità che un’attenta valorizzazione della geodiversità può offrire al territorio. È il primo passo istituzionale di un percorso certamente lungo e complesso, ma che, in caso di esito positivo, porterà al prestigioso riconoscimento, per i siti gessosi del nostro territorio, di Patrimonio mondiale naturalistico Unesco. La consigliera regionale Manuela Rontini – presidente della commissione “Territorio Ambiente” dell’Emilia-Romagna – vede grandi opportunità in questo percorso. «Credo che questo possa essere un ulteriore volano per l’attrattività turistica del Parco della Vena del Gesso e delle nostre colline, dalle grandi potenzialità ambientali, enogastronomiche e culturali. – afferma – I fenomeni carsici della nostra regione sono unici sul pianeta. I gessi dell’Emilia-Romagna sono i più studiati al mondo e hanno iniziato a suscitare interesse già dal Seicento proprio per le loro caratteristiche peculiari».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.