Paolo Caroli confermato alla presidenza Ascom Faenza

Il consiglio direttivo di Ascom Faenza, nella seduta di lunedì 15 ottobre 2019, ha rinnovato i propri vertici dirigenziali per il quinquennio 2019–2024. Per acclamazione è stato confermato presidente della Confcommercio – Ascom Faenza, che rappresenta ad oggi oltre 1.150 aziende associate, Paolo Caroli (presidente del Sindacato Cartolibrerie), già presidente Confcommercio nel quadriennio 2014/2019, nonché presidente della Confcommercio della Provincia di Ravenna e membro del Comitato di Presidenza dell’Associazione fin dal 1994.

Confcommercio: il nuovo comitato di presidenza

Lo stesso Consiglio Direttivo ha nominato come vicepresidente vicario Sergio Scipi (presidente del Sindacato Ottici Optometristi) e ha nominato alla vicepresidenza Matteo Bandini (presidente del Sindacato Ferramenta e Casalinghi).
Il nuovo Comitato di Presidenza, è composto inoltre da Fiorella Ceroni (presidente sindacato Libere Professioni), Claudia Minardi (presidente Sindacato Agenti d’Affari in Mediazione), William Donati (presidente Sindacato Alimentaristi), Marco Mainetti (presidente Sindacato Imprese del Turismo) Simone Maretti (presidente Sindacato Agenti e rappresentanti di Commercio) e Stefano Visani (presidente del sindacato Marketing, Grafica e Pubblicità).

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.