Tutta la poesia di Nevio Spadoni a Bottega Bertaccini

Un percorso poetico lungo trentadue anni racchiuso in nuovo libro. Sabato 17 marzo, alle ore 17.30, alla Bottega Bertaccini di Faenza, Nevio Spadoni presenta il suo libro “Poesie (1985-2017)” (Edizioni Il Ponte Vecchio). L’antologia raccoglie il lavoro di trentadue anni di attività, da “Par su cont” del 1985 fino ai versi inediti qui pubblicati per la prima volta. “Se trentadue anni non sono una vita, rappresentano comunque un bel pezzo di cammino”, riconosce il poeta. All’incontro partecipa Federico Savini.

Ezio Raimondi: “La poesia di Spadoni, ruvida e aspra”

“Nevio Spadoni, nella pur fecondissima e viva poesia dialettale della Romagna, è forse il maggiore dei poeti viventi”. Sono parole di Roberto Casalini del Ponte Vecchio di Cesena, l’editore che ha appena dato alle stampe il monumentale volume di oltre 400 pagine che raccoglie l’opera omnia del poeta di San Pietro in Vincoli. E’ sempre problematico, e forse non è nemmeno giusto, stilare classifiche che di oggettivo non possono aver nulla, ma è pur vero che pochi poeti possono vantare come Spadoni una antologia introdotta da un corposissimo e approfondito saggio a firma Ezio Raimondi.

“Nel dialetto di Spadoni, ruvido e aspro – scrive Raimondi – con i suoi blocchi monosillabici e i suoi grumi consonantici, che impongono una scansione tesa o quasi drammatica, il flusso discorsivo sembra scaturire dal profondo del corpo, dall’intreccio mobile e inquieto delle sue sensazioni che hanno ancora lo scatto, il calore, la pienezza della vitalità”.

Nevio Spadoni, poeta dialettale

Nevio Spadoni, classe 1949, vive a Ravenna. Le sue poesie sono comprese in diverse antologie italiane e straniere. Vincitore di importanti premi di poesia, tra i quali il Lanciano, il Tratti Poetry Prize, il Gozzano, il Salva la tua lingua locale, il Premio internazionale Via Francigena, il Premio Aldo Spallicci. È autore anche di opere teatrali, andate in scena per “Ravenna Teatro” e “Ravenna Festival” in Italia e all’estero. Ha pubblicato le antologie “Le radici e il sogno. Poeti dialettali del secondo ’900” (con Luciano Benini Sforza, Faenza, Mobydick, 1996) e “D’un sangue più vivo. Poeti romagnoli del Novecento” (con Gianfranco Lauretano, Cesena, Il Vicolo, 2013).

Foto: Michela Mariani

Rispondi