Necki (l’Altra Faenza): “Il Comune anticipi 1.000 euro ai cittadini che non hanno ricevuto le indennità”

Un prestito da mille euro, fornito dall’Amministrazione, per aiutare i cittadini che non hanno ancora ricevuto le indennità previste dal Governo: è questa la proposta che lancia il capogruppo della lista l’Altra Faenza, Edward Necki, al sindaco di Faenza, Giovanni Malpezzi, e a tutta l’Unione della Romagna faentina. «In riferimento all’iniziativa concordata dal Comune di Ravenna di un prestito di 1.000 euro per sostenere chi non ha ancora ricevuto gli ammortizzatori sociali e le indennità previste dal Governo – afferma Necki – sono a chiedere la possibilità che anche il Comune di Faenza e la stessa Unione dei Comuni della Romagna Faentina valutino questa possibilità».

“L’iniziativa va concordata con i sindacati”

«Mi rendo conto della necessità di verificare la disponibilità in termini di bilancio ma sottolineo che, nel caso, si tratterebbe di un prestito, anche rimborsabile a breve, e che, eventualmente, l’entità del prestito potrebbe anche essere più ridotta – conclude il capogruppo de l’Altra Faenza – Naturalmente l’iniziativa dovrebbe essere concordata con le organizzazioni sindacali che hanno un quadro più esatto dei lavoratori in situazione di difficoltà».

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.