Necki (l’Altra Faenza): “Il Comune anticipi 1.000 euro ai cittadini che non hanno ricevuto le indennità”

Un prestito da mille euro, fornito dall’Amministrazione, per aiutare i cittadini che non hanno ancora ricevuto le indennità previste dal Governo: è questa la proposta che lancia il capogruppo della lista l’Altra Faenza, Edward Necki, al sindaco di Faenza, Giovanni Malpezzi, e a tutta l’Unione della Romagna faentina. «In riferimento all’iniziativa concordata dal Comune di Ravenna di un prestito di 1.000 euro per sostenere chi non ha ancora ricevuto gli ammortizzatori sociali e le indennità previste dal Governo – afferma Necki – sono a chiedere la possibilità che anche il Comune di Faenza e la stessa Unione dei Comuni della Romagna Faentina valutino questa possibilità».

“L’iniziativa va concordata con i sindacati”

«Mi rendo conto della necessità di verificare la disponibilità in termini di bilancio ma sottolineo che, nel caso, si tratterebbe di un prestito, anche rimborsabile a breve, e che, eventualmente, l’entità del prestito potrebbe anche essere più ridotta – conclude il capogruppo de l’Altra Faenza – Naturalmente l’iniziativa dovrebbe essere concordata con le organizzazioni sindacali che hanno un quadro più esatto dei lavoratori in situazione di difficoltà».

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.