Negrita e Morgan live in piazza del Popolo di Faenza per il Mei 2019

in aggiornamento

Una tre giorni intensa di musica, che vedrà il suo fulcro nella serata di sabato 5 ottobre 2019 quando, sul palco di piazza del Popolo di Faenza, a partire dalle ore 19.45, si esibiranno tra gli altri Morgan (Premio Mei alla carriera) e i Negrita (Premio ‘Radio Rai Live). Comincia a prendere forma il programma del Mei, il Meeting delle etichette indipendenti che festeggia quest’anno i 25 anni di attività. Concerti, conferenze, mostre: tante suggestioni per vivere la musica in tutti i suoi aspetti e che prenderanno il via a Faenza venerdì 4 ottobre, proseguendo fino a domenica 6.

Live Piazza del Popolo – sabato 5 ottobre

Nel corso del live di Piazza del Popolo, oltre ai Negrita e a Morgan, si esibiranno sul palco nel tradizionale concerto gratuito  SpaccailSilenzio, il Duo Bellavista & Soglia, I Tristi (vincitori del Concerto del Primo Maggio di Roma), Le Cose Importanti e Tredici Pietro (Premio Hip Hop Mei).

A Giovanni Truppi il Premio miglior artista indie 2019

Giovanni Truppi

Live Teatro Masini – sabato 5 ottobre

Momento clou, come detto, il sabato sera: oltre al concerto gratuito di piazza del Popolo contemporaneamente il teatro Masini di Faenza accoglierà invece, tra gli altri, Riccardo Sinigallia (‘Ciao Cuore’ eletto miglior disco 2018), Giovanni Truppi (Premio Pimi 2019), Cristina Donà, Ginevra De Marco (Premio ‘speciale Mei 2019’). Artisti che hanno saputo lasciare il segno, oggi come ieri, nella musica indipendente italiana.

Giovanni Truppi partecipò già al Mei di due anni fa, suonando al teatro Masini prima di Motta, stupendo il pubblico con i suoi accordi e la sua voce. Nato nel 1981 e cresciuto a Napoli, inizia a suonare pianoforte all’età di sette anni per poi, in adolescenza, affiancarvi la chitarra elettrica (appresa da autodidatta). Nel 2019 è uscito il suo ultimo album Poesia e Civiltà.

I Negrita nel 2019 hanno festeggiato 25 anni di attività

Un compleanno in comune, quello del Mei e dei Negrita, entrambi infatti celebrano un quarto di secolo di storia. I Negrita infatti hanno realizzato quest’anno un tour lungo tutta la Penisola per festeggiare i 25 anni della propria attività. Si sono formati infatti all’inizio degli anni Novanta a Capolona, in provincia di Arezzo e prendono il loro nome dal brano dei Rolling Stones Hey! Negrita. Particolare successo hanno avuto gli album L’uomo sogna di volare (2005) e Rotolando verso sud (2006). Il 9 marzo 2018 è uscito il loro decimo album in studio Desert Yacht Club, anticipato dai singoli Adiós paranoia e Scritto sulla pelle.

A Morgan il premio Mei alla carriera

Morgan

Morgan è lo pseudonimo di Marco Castoldi, nato a Milano nel 1972. Compositore, cantautore, polistrumentista, performer, divulgatore televisivo musicale italiano, è fondatore della band Bluvertigo che suonò nei primi anni proprio al Mei di Faenza. Ha avviato poi una carriera da solista e un’intensa attività televisiva che lo ha visto come storico giudice di X Factor Italia. Tra i suoi album, si ricorda anche nel 2005 il rifacimento di Non al denaro non all’amore nè al cielo di Fabrizio De André. A gennaio 2019 ha condotto su Rai 2 il programma Freddie – Morgan racconta i Queen, prima di entrare nel team di giudici del talent show The Voice of Italy sempre sulla stessa rete.

Torna il Forum del Giornalismo musicale

Al Mei 2019 tornerà anche il Forum del giornalismo musicale: una due giorni diretta da Enrico Deregibus, che anche in questa quarta edizione vedrà giornalisti provenienti da tutte le fonti di informazione (principali testate, webzine, blog, radio, tv e new media) confrontarsi su tematiche e dibattiti legate al mercato discografico italiano. In programma lezioni e workshop con le cantautrici Ginevra di Marco e Cristina Donà; Vincenzo Cimino, musicista e membro commissione cultura Ordine dei giornalisti; Federico Durante, direttore di Billboard; Cinzia Fiorato, caposervizio e conduttrice Tg1; Marco Mangiarotti, critico musicale, già vicedirettore de “Il Giorno” e Vincenzo Martorella, critico musicale.

Da 25 anni il Mei, un evento unico nel suo genere

Il Mei è la più importante manifestazione dedicata alla scena musicale indipendente italiana che chiude la stagione dei festival estivi. Fin dalla prima storica edizione, la manifestazione, fondata e diretta da Giordano Sangiorgi, è stata la piattaforma di lancio della nuova scena indipendente italiana con artisti che sono diventati pilastri della musica in Italia (tra gli altri Afterhours, Bluvertigo, Marlene Kuntz, CSI, Pitura Freska, Baustelle, Caparezza, Negramaro, Perturbazione, Marta sui Tubi, Offlaga Disco Pax) e ha premiato emergenti oggi considerati punte di diamante della nuova scena artistica del nostro Paese (come ad esempio, Ermal Meta, Lo Stato Sociale, Ghali, Canova, Calcutta, Zibba, Mirkoeilcane, Le Luci della Centrale Elettrica, Motta, Colapesce, Cosmo). Tanti sono stati anche gli artisti che hanno mosso i loro primi passi proprio al MEI, come ad esempio Daniele Silvestri che nel 1997 allestì un suo stand espositivo e lo scorso anno ha festeggiato 20 anni di carriera, e, più recentemente i Maneskin, che al Mei di Faenza hanno realizzato una delle loro primissime esibizioni fuori da Roma.

Da sinistra: Domizio Piroddi, Massimo Isola, Giordano Sangiorgi.
Da sinistra: Domizio Piroddi, Massimo Isola, Giordano Sangiorgi.

Faenza si animerà così di tanti eventi che avranno a corollario la notte bianca del Mei, che coinvolgerà tanti commercianti del centro storico di Faenza. «Il Mei è un appuntamento unico a livello nazionale – afferma il vice sindaco di Faenza, Massimo Isola – con una lunga storia che l’ha portato a indagare in questi anni la musica contemporanea. Si tratta di un momento che mette insieme musicisti, produttori, critici: è uno dei pochi momenti in cui la filiera della musica popolare si incontra.

«Questi tre giorni sono importanti per tenere vivo il centro storico – dichiara Domizio Piroddi, assessore alle Attività Produttive – ringrazio il Mei e Giordano Sangiorgi per l’opportunità che ci dà».

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.