Startup faentina lancia il robot MecGeos: rilevamenti topografici a tecnologia 4.0

Una soluzione innovativa, tecnologica e sicura per garantire rilevazioni precise nei cantieri e ridurre i rischi di infortuni sul lavoro. Monitor the Planet, giovane startup faentina specializzata in servizi di rilevamento topografici che opera nell’ambito della geomatica, la disciplina che si occupa di acquisire, modellizzare, elaborare, archiviare e divulgare informazioni georeferenziate tramite rilievi e mappatura del territorio, lancia nel mercato una sua invenzione brevettata: il mezzo robotizzato MecGeos, acronimo di Mechatronic for Geodetic System.

La startup Monitor The Planet lancia il robot MecGeos

MecGeos, è un robot dotato di tecnologia 4.0 che offre la possibilità di ripensare le strategie di monitoraggio e controllo di città e territori, rendendo possibile la programmazione di azioni più sicure, efficaci e affidabili, con un minore impiego di risorse. MecGeos è dotato di tecnologie in grado di automatizzare il lavoro manuale e svolgere misurazioni con precisione e controllo digitali e di intervenire in situazioni metereologiche e ambientali impervie, a oggi rischiose per il tecnico.

I vantaggi di MecGeos sono stati testati sul campo con l’utilizzo del primo prototipo realizzato dalla azienda costruttrice, per esempio, a Nizza Monferrato in provincia di Asti. Qui, il robot della startup faentina ha effettuato rilievi 3d in zone tutelate dall’Unesco. MecGeos è poi stato impiegato per migliaia di scansioni e creazione di modelli laser delle caserme di proprietà del Ministero della Difesa ma anche per effettuare rilievi topografici per una nuova linea ferroviaria nelle tratte Alessandria-Arona e Vignale-Domodossola.

Attività sul ponte Bailey in via Monte Coralli

Molti i comuni italiani che già si servono delle competenze e servizi di Monitor The Planet, fra cui il Comune di Faenza che ha fatto eseguire un rilevamento laser scanner del ponte e della struttura muraria sottostante il ponte Bailey in via Monte Coralli per l’ottenimento del dettaglio delle strutture geometriche presenti.

Monitor the Planet è una startup innovativa nata nel 2018 da un’idea dell’attuale Ceo, Emanuele Dal Monte. Dal Monte con esperienza ventennale acquisita sul campo si è specializzato nel settore della tecnologia e delle misurazioni. Fonda pertanto Monitor the Planet che a oggi conta tre sedi in Italia (Faenza, Nizza Monferrato, Oderzo).

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.