Torna a Faenza il Mondial Tornianti: la 35sima edizione il 3 e il 4 settembre

Torna dopo quattro anni di stop insieme alla manifestazione ceramica Argillà il Mondial Tornianti-L’Oro del Vasaio, un momento di respiro internazionale che metterà sul tornio i più grandi maestri vasai nelle giornate di sabato 3 e domenica 4 settembre. Un appuntamento importante per i professionisti dell’argilla che, pur vantando anni di carriera, si metteranno in gioco sui torni di piazza Nenni anche in questa edizione della competizione.

Edizione in memoria di Gino Geminiani

La manifestazione quest’anno arriva alla sua XXXV edizione e oltre alla XV edizione del Trofeo Alteo Dolcini e al VI Trofeo Pier Domenico Bandini, si arricchisce della prima edizione del Trofeo Gino Geminiani, grande torniante faentino molto attivo in questa particolarissima disciplina, scomparso a maggio di due anni fa, a cui è stata dedicata
l’associazione che organizza la manifestazione. Sulla pedana dei torni arriveranno dunque maestri vasai da ogni angolo d’Italia ma anche molti stranieri. Sono aperte le iscrizioni che si chiuderanno al termine della mattinata di sabato 3 settembre e per ora si sono già iscritti al Campionato mondiale tecnico vasai dalla Francia, Stati Uniti, Turchia e Giappone .

Il programma della 35sima edizione

Il programma della 35sima edizione prevede l’inizio delle competizioni sabato 3 settembre con il Campionato Mondiale EstetaOpera di valore estetico’ quest’anno dedicato a Gino Geminiani. Dopo le verifiche degli iscritti, alle 15 si accenderanno i torni. Alle 19.30 verranno assegnati i punteggi. Come ormai tradizione la sera di piazza Nenni all’incirca alle 20, si illuminerà con ‘Io, il tornio e lo scuro’ la performance speciale in collaborazione con Cibas Impasti, fuori concorso, durante la quale i tornianti si sfideranno bendati; i maestri dovranno realizzare un vaso chiuso all’interno di una scatola e che potranno solo toccare. Successivamente, dopo essere stati bendati dovranno riprodurre la forma del vaso. Vincerà chi realizzerà il manufatto più fedele all’originale. Domenica 4, si entra nel vivo con il Campionato Mondiale Tecnico Maestri. Dopo le verifiche dei partecipanti, dalle 8, alle 9 inizieranno le gare eliminatorie. Si partirà con la categoria Donne e a seguire quella Uomini. Dopo la pausa pranzo, alle 14 partiranno le finali e alle 18 verranno stilate le classifiche e a seguire si procederà con le premiazioni dei vincitori.

Un’occasione per ridare valore al ruolo del torniante

Il Mondial Tornianti -sottolinea il sindaco di Faenza Massimo Isola- rappresenta uno degli elementi importanti della nostra identità ceramica. L’idea nasce dal voler trasformare un gesto tanto arcaico quanto fondamentale della creatività ceramica in un momento performativo, quasi uno spettacolo. Il Campionato porta con sé momenti di grande fascino nella realizzazione delle opere più alte e nelle competizioni per le ciotole più larghe, raggiungendo misure sorprendenti, trasformandosi in veri esercizi di abilità. Nel corso degli anni il Mondial Tornianti è cambiato. Abbiamo introdotto lo ‘speciale bendato’ e portato la manifestazione in giro per le città ceramiche: ogni due anni avrà sede a Faenza in concomitanza con Argillà, mentre negli anni dispari il Mondial Tornianti sarà itinerante e si svolgere in tour in varie città italiane legate alla tradizione ceramica. Già dal 2023 si andrà in Liguria nella Baia della Ceramica e in Salento”.

Letizia Di Deco

Classe 1998, vivo a Faenza. Mi sono laureata in Lettere Moderne e poi in Italianistica e Scienze linguistiche all’Università di Bologna. In attesa di tornare in classe da prof, mi piace fare domande a chi ha qualcosa di bello da raccontare su ciò che accade dentro e fuori le pareti della scuola. Ho sempre bisogno di un buon libro da leggere, di dire la mia opinione sulle cose, di un po' di tempo per una corsetta…e di un caffè

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.