Milano Design Week 2019: anche la ceramica faentina risponde presente

Sarà molto intensa quest’anno la presenza della ceramica di Faenza alla Milano Design Week, l’appuntamento più importante al mondo dedicato al design, in corrispondenza con il Salone del Mobile di Milano. Dal 9 al 14 aprile 2019, infatti, si rinnova la partecipazione di Ente Ceramica Faenza al Fuorisalone di Milano e alla Settimana del Design milanese: anche quest’anno il progetto si colloca all’interno di Sharing Design, contenitore di eventi e appuntamenti alla Fabbrica del Vapore coordinato da Milano Makers (MiMa), a cura di Cesare Castelli e Maria Christina Hamel, che da diversi anni riunisce durante la Design Week il mondo delle autoproduzioni di design.

Il tema di quest’anno sarà Design no brand, con cui Milano Makers presenta una selezione di makers, ovvero designers indipendenti non legati ad aziende o brands particolari, con un focus particolare sulle tematiche della crescita intelligente, sostenibile e inclusiva e dell’economia circolare. In questo contesto, Ente Ceramica Faenza presenta in esposizione due percorsi nella ceramica che incrociano arte, design e artigianato: Manifatture Sottosasso di Marco Malavolti e Lorella Morgantini e Livyng Ecodesign.

Manifatture Sottosasso, la ricerca di uno stile antico sulle colline di Brisighella

Sottosasso è una antica casa in sasso immersa in un’oasi di protezione, situata sulle colline di Brisighella, a pochi minuti da Faenza. Dal 2002, Sottosasso ha indossato una nuova veste diventando abitazione e laboratorio di ceramica per Marco Malavolti e Lorella Morgantini, che hanno compreso la necessità di modificare il loro stile di vita riconducendolo alla storia, alle tradizioni e alla natura. Come raccontano Marco e Lorella, «chi arriva a Sottosasso oggi trova una piccola realtà artigiana impregnata di uno stile di vita antico». Manifatture Sottosasso realizza produzioni originali in ceramica, oggetti ispirati a linee pure e semplici destinate all’uso quotidiano, e collabora con artisti, architetti e designer per la produzione e il restauro di opere d’arte in ceramica; sono attivi anche progetti di didattica per la ceramica.

Livyng Ecodesign, identità e poesia tra tradizione e stampa 3d

Livyng Ecodesign è una giovane realtà faentina attiva dal 2015 formata da Federica Cicognani e Giulia Ancarani, attiva nell’ambito del design con diversi materiali tra cui la ceramica, spesso combinata con legno di provenienza esclusivamente locale e altrimenti destinato alla degradazione naturale o alla combustione. La Ceramic Collection di Livyng Ecodesign è formata principalmente vasi e lampade da tavolo, da terra e a sospensione. «Abbiamo analizzato molto attentamente non solo le caratteristiche di porcellana e gres – raccontano Federica e Giulia – ma anche le tecnologie produttive e il linguaggio di design che è alla base dei nostri prodotti. Sia con la stampa 3d che con il colaggio tradizionale abbiamo cercato di dare vita a oggetti senza tempo, dotatati di forte identità e profonda poetica».

A Milano ospite anche l’Isia di Faenza con una mostra di Salvatore Arancio

«Con Ente Ceramica abbiamo costruito in questi anni relazioni e scambi con tante realtà a livello nazionale e internazionale – dichiara Massimo Isola, presidente di Ente Ceramica Faenza e assessore alla Ceramica di Faenza – I progetti che quest’anno vediamo alla Milano Design Week si inseriscono in questo percorso fondamentale di promozione e conoscenza della ceramica faentina contemporanea. La collaborazione con Milano Makers è per noi strategica: la contaminazione fra design e ceramica ha una valenza strutturale nel mercato che cambia e abbiamo bisogno di un sistema ceramico innovativo, che sappia mettersi in discussione e che si concentri sempre più non solo sul come fare ceramica, ma sul cosa fare»

Accanto alla ormai consolidata alla Fabbrica del Vapore, infatti, Ente Ceramica Faenza quest’anno è partner del progetto La Ceramica Parallela, sviluppato da Isia Faenza Design & Comunicazione, che sarà presentato nell’ambito della Milano Design Week dal 6 al 14 aprile negli spazi della Galleria Fatto ad Arte di Milano. La mostra La Ceramica Parallela, a cura dell’artista Salvatore Arancio e di Marinella Paderni, direttrice dell’Istituto Superiore per le Industrie Artistiche faentino, è il risultato del workshop condotto da Salvatore Arancio con otto studenti del Biennio Specialistico di Design del Prodotto di Isia Faenza.

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.