Un successo di presenze per il Mercatino dei ragazzi. Stasera il terzo appuntamento

Sono stati oltre trecento i bambini che hanno partecipato lo scorso giovedì al Mercatino dei ragazzi in Piazza del Popolo e oggi, giovedì 20 luglio, si replica dalle ore 18.30 alle 22.30 per il terzo appuntamento mensile. La 36^ edizione della manifestazione, organizzata dall’Amministrazione comunale in collaborazione con l’Avis Faenza, sta registrando anche quest’anno numeri importanti.

 

Numeri da record e il 18% arriva da fuori Faenza

Numeri sempre in crescendo per l’edizione di quest’anno: giovedì scorso, sono stati infatti 331 i bambini partecipanti, trentatrè in più rispetto ai  298 del primo giovedì, divisi equamente tra ragazzi (166) e ragazze (165). In entrambi i primi due giovedì il 53,5% dei partecipanti era compreso tra lascia d’età 8-11 anni, perlopiù faentini (271) seguiti da Forlì (16), Imola (13) e Lugo (7) e da altri cinque comuni dell’Unione della Romagna Faentina. Tra i ragazzi anche uno proveniente da Roma, presumibilmente in vacanza con i propri genitori, che non ha resistito al fascino del mercatino.

 

Il Regolamento per partecipare

Al mercatino, programmato tutti i giovedì del mese di luglio (6, 13, 20 e 27), possono partecipare ragazzi e ragazze dai 6 ai 14 anni, a cui vengono assegnati dei box numerati. Per l’iscrizione è sufficiente presentarsi il giorno stesso del mercatino, a partire dalle ore 17.00, presso il gazebo dell’Avis ubicato in piazza vicino alla fontana monumentale. A controllare il rispetto del regolamento, si alterneranno una trentina di volontari fra soci Avis e collaboratori, con le classiche casacche e pettorine gialle, mentre per garantire il buon andamento della manifestazione saranno presenti alcuni operatori della Polizia municipale.

 

L’emozione del mercante in fiera

Il mercatino è un momento d’incontro e di gioco nel quale si svolge un libero scambio e una offerta di oggetti usati di modico valore (prodotti artigianali creati dai ragazzi, giocattoli, giornalini, libri e accessori usati per ragazzi). La regola base è che non deve configurarsi come un’attività commerciale a scopo di lucro. Sono infatti vietati lo scambio, l’esposizione e la vendita di oggetti con prezzi superiori a 50 euro e comunque non destinati o non indicati per bambini e ragazzi, quali abbigliamento di qualsiasi tipo (indumenti, scarpe, accessori), generi alimentari, animali, fiori freschi e secchi, piante, merci nuove, biciclette (a eccezione dei piccoli modelli per l’infanzia), armi proprie e improprie, oggetti militari e simili, nonché preziosi o di valore, piatti, bicchieri e altri utensili per la casa, quadri, ceramiche, oggetti di antiquariato.

 

Per informazioni: Avis Faenza (viale Stradone 9 – tel. 0546 601098).

Rispondi