Riconoscimento nazionale al Mei per la sua attività di inclusione sociale

Si sono tenuti a Napoli con grande successo i due giorni degli Stati Generali della Musica Emergente, coordinati da Giordano Sangiorgi del Mei – Meeting delle Etichette Indipendenti di Faenza, insieme all’Universita’ Federico II e a Discodays e al Movimento Napule’s Power e Suoni Giovani dal Sud con il patrocinio del Comune di Napoli, l’Anci, la Siae, il Nuovo Imaie e l’Agenzia Nazionale Giovani.

Il riconoscimento durante gli Stati Generali della Musica emergente

Oltre 250 adesioni, tra le quali si segnalano la Regione Emilia–Romagna, la Regione Lazio, il Comune di Milano e la Campania Music Commission, tra i tanti, oltre al Ministero della Cultura francese, con oltre 50 interventi, oltre 50 artisti con due sold out e un dibattito pieno di operatori e artisti di grande rilievo. Un successo che ha portato il Mei di Faenza a confermarsi, dopo le tappe di Milano e Roma, il leader e portavoce delle startup musicali giovani e innovative del nostro paese.

In tale occasione, un importante riconoscimento nazionale del ruolo del Mei verso i suoi 25 anni. L’Agenzia Nazionale Giovani della Presidenza del Consiglio riconosce al Mei e ai suoi eventi grazie alla musica il ruolo di potente promotore di inclusione sociale tra i giovani. Un riconoscimento istituzionale di grande rilievo per il Mei che ha riscosso grande successo a Napoli e che ora si mette al lavoro per la Festa della Musica a Matera, Capitale Europea della Cultura, e per il Mei 25 che arriva a Faenza dal 4 al 6 ottobre.

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.